riflessione per genitori…

riflessione per genitori…crescere i propri figli evitandogli o correndo in loro soccorso ad ogni anche minima difficoltà, viziandoli di eccesso di protezione ed acriticità sulla loro indole che pur necessiterebbe correzioni, costruisce adulti in grado di badare a se stessi e di essere rispettosi degli altri?…

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

i cialtroni…

La faccenda rimborsi dei grillini non mi pare più grave di tanti fatti di ordinaria furba cialtroneria che infestano il paese e minano la più elementare fiducia nel collettivo…certo ai “tutori assoluti” dell’honestà honestà fa più male che ad altri…chi di spade ferisce…

vorrei però rimarcare che 23 milioni, meno ovviamente qualcosa “trattenuta”, certo pur dati al fondo rotativo per le piccole-medie aziende a titolo spontaneo e di cui va riconosciuto comunque il merito al movimento, non hanno creato affatto 7.000 aziende e 14.000 posti di lavoro poichè la matematica sconfessa la propaganda, facendo poco più 3.000 euro ad azienda il loro contributo, poco per fare azienda e creare lavoro…dire allora che si è contribuito in parte al fondo alimentato principalmente dallo stato sarebbe più corretto che strombazzare dati inesistenti e buoni per la messa cantata per gli allocchi…

ciò detto il pd-r fa abbastanza più schifo di questi cialtroni

il volto di nefertiti…

Grazie alla tecnologia 3D e a 500 ore di lavoro di ricostruzione, la Regina Nefertiti ha un volto.
Nefertiti, che regnò in Egitto dal 1353 al 1336 a.C, fu la matrigna del faraone Tutankhamon….Sposata al faraone Akhenaton, si presuppone abbia governato l’Egitto da sola dopo la morte del marito, cosa inusuale nella cultura del tempo…La mummia è stata “riportata in vita” dagli scienziati dell’Università di Bristol. Il Dr. Aidan Dodson dopo aver ricevuto il permesso dal Ministero delle Antichità egiziano e dal Museo Egizio ha potuto rimuovere la custodia protettiva e procedere con l’esame della mummia. Solo in un secondo momento gli scienziati hanno mappato digitalmente il volto dell’antica regina e grazie al lavoro ricostruttivo della paleo-artista Elisabeth Daynes è stato possibile ottenere un risultato sorprendente.
fonte huffpost

L'immagine può contenere: 1 persona

in ricordo delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle stragi nazi-fasciste, della risiera di s. saba..

fuori da ogni retorica destrorsa a cui l’argomento è stato colpevolmente abbandonato per equilibrismi democristiani da guerra fredda e da un colpevole atteggiamento etno-colpevolista del pci togliattiano, fuori dalle considerazioni quasi ovvie che ad ogni guerra segue la scia delle vendette spesso cieche, se pensare alle foibe ed all’esodo giuliano-dalmata conclamatosi dalla strage di vergarola in poi non può non passare dai crimini fascisti perpetrati in un ventennio nelle terre occupate dopo la prima guerra mondiale ad opera del macellaio graziani ed ancor più ferocemente durante il conflitto, io continuo a credere che quei morti e quell’esodo furono un dramma nazionale il cui ricordo non è proprietà dei fascio-patriottardi che lo usano ad argomento, ma del paese intero che deve cominciare a fare i conti con la sua memoria…

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

io sono di sinistra, ma quei morti e quei fuggiaschi erano miei fratelli e su questa foiba, a basovizza, poco sopra trieste, poco sopra l’infamia nazifascista della risiera di s. saba, la prima volta che vi andai e tutte le altre piansi silenziose lacrime amare

Pubblicato in Blog

ti saluto e ti ricordo con affetto, don gerardo…

a quasi un anno dalla sua scomparsa (11/02/2017) voglio ricordare don gerardo messina, il mio insegnante di religione al liceo, che rispettava, da uomo di fede, ma anche di cultura, il mio agnosticismo…devo alle lunghe chiacchierate con lui ed agli approfondimenti che seguivano, le mie piccole conoscenze di storia delle religioni, di teologia, di mistica…ti saluto e ti ricordo con affetto, don gerardo

L'immagine può contenere: 1 persona, occhiali e primo piano

Pubblicato in Blog

il fascio-suprematismo ed il liberismo…

leggere o ascoltare commentatori pure autorevoli che attribuiscono la marea di rabbia popolare montante, che la destra interpreta, ad un fascismo quasi antropologico e non invece all’iniquità di un sistema economico a stampo liberista che genera poveri per nutrire ricchi sempre più ricchi, mostra chiaramente l’asservimento culturale ad un modello economico indiscusso e presunto indiscutibile, il vero segnale di decadenza di un occidente e di un paese incapace di ripensarsi socialmente ed economicamente…

il vero problema non è l’onda fascio-suprematista che è semmai effetto, ma il liberismo che è causa di un conflitto sempre meno latente di cui i fatti di macerata sono la punta di un iceberg profondo e pericoloso

Pubblicato in Blog

ITALIAN HISTORY X

ITALIAN HISTORY X a macerata…forse la prima evidente manifestazione di suprematismo bianco nel paese dopo una demenziale campagna d’odio targata salvini/meloni che sfoga nella follia di un disadattato

L'immagine può contenere: 1 persona, spazio al chiuso

L'immagine può contenere: 1 persona, in piedi e notte

Riflettere sulle differenze profonde tra suprematismo e fascismo aiuterebbe ad inquadrare gli avvenimenti di macerata tra i disordini psicotici di una società infettata di liberismo che elabora presunti anticorpi in una confusa vendetta identitaria contro gli altri da noi, e non nella facilistica etichetta di manifestazione di fascismo o peggio di terrorismo fascista

Pubblicato in Blog

#lucaniabellissima…miglionico, il castello del malconsiglio

miglionico (mt) una gita domenicale…il castello del malconsiglio che ospitò nel settembre del 1485 l’incontro decisivo della congiura dei baroni lucani contro gli aragonesi…seguiranno altre foto di questo magnifico paese lucano, a cavallo tra il lago di s.giuliano e la valle del basento, un luogo a me molto caro che consiglio di visitare assolutamente…#lucaniabellissima

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'apertoL'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo, albero e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo, nuvola e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo, albero, nuvola, spazio all'aperto e natura

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo e spazio all'aperto

 

Pubblicato in Blog

Comunicato stampa di Comunità Lucana – L’anno che è venuto

L’anno che è venuto

Finito il tempo dei bilanci di fine d’anno tra pompose, noiose, boriose ed auto-referenti conferenze stampa di meta-realtà tra story-telling di provincia ed elegie califfali, ecco arrivati i nodi intorno al futuro ormai prossimo di Matera-Basilicata 2019, e che, oltre gli eventi, si riassumono in una sola domanda “come fa questa regione a dar modo ai turisti di viaggiare in lungo ed in largo per questa terra?”

L’anno che è venuto, nell’ovvio pullulare di incontri istituzionali, accordi e protocolli, necessita di una risposta stringente ed esaustiva a questa domanda ancora prima di ogni altra, poiché, ben oltre le questioni tecniche, è il sistema di trasporti che racconterà nei fatti la regione, se vogliamo che da Matera si irradi quell’interesse ormai certificato ad una terra antica ed al suo inconsueto lungo i suoi sentieri culturali, storici, paesaggistici, eno-gastronomici e di resilienza a cui occorre però dare reale praticabilità perché siano davvero tali.

Nella conclamata certezza che l’intervento che avrebbe potuto spostare l’asse di ricezione dei flussi turistici diretti a Matera nel resto della regione, invece che delegarlo all’area murgiano-barese, era il completamento della tratta ferroviaria tra questa e Ferrandina ed una ristrutturazione del trasporto pubblico locale imperniato proprio su questa stazione come snodo centrale tra le due direttive di trasporto su rotaie Matera-Bari e Napoli- Potenza- Taranto con inter-modalità via bus efficienti verso il resto della regione, intervento che non prevede  il completamento della tratta almeno prima del 2023 in una contraddittoria visione dell’intervento stesso – ma sappiamo che forti erano gli interessi a veicolare la recettività proprio nell’area murgiano-barese – dovrebbe porre subito l’esigenza di ritarare il trasporto pubblico locale, collegando la capitale della cultura al resto della regione con ciò che oggi già abbiamo ed è parte della nostra cultura dei trasporti, il sistema dei bus locali, in un’ottica rivisitata di distribuzione della recettività turistica che coinvolga maggiormente il territorio lucano.

E se tale esigenza significa non solo riprogrammare i collegamenti tra Matera e la fascia ionica in virtù di una infrastrutturazione recettiva già esistente ed attrezzata ed allargare il raggio degli stessi verso la val Basento e la collina materana, ma assumere come assi di smistamento dei flussi turistici che sin dall’inizio di questa primavera si faranno imponenti, sia Potenza, di fatto già terminale di penetrazione nel territorio della regione, sia la zona del Vulture-Melfese, con la creazione immediata di un servizio di bus navette tarato sulle esigenze del turismo che evidentemente non sono le stesse del pendolarismo lavorativo e studentesco.

In estrema sintesi prevedere che ogni due ore nel corso della giornata e parte della notte una navetta parta dalla città dei Sassi per Potenza e viceversa, così per Melfi e viceversa, con la città federiciana maggiormente connessa a Potenza con il potenziamento del trasporto ferroviario già esistente, significa dare al turista scelta ed opportunità di miglior movimento all’interno di una regione che è essa stessa fisicamente candidata a quel ruolo di capitale della cultura, costituendo l’intero territorio regionale e il suo unicum storico-paesaggistico “il motivo concreto” e non solo il contenitore geografico astratto di Matera 2019.

E certo un sistema pubblico tarato su queste esigenze aiuterebbe anche i lucani a vivere l’appuntamento con maggior facilità, maggiore possibilità di movimento e così maggior scambio culturale e di identità tra comunità che orografia del territorio ed oggettivo isolamento, storia antica e più recente, strategie di governo dei territori hanno rese troppo poco coscienti di una “disomogenea omogeneità” di una identità comune che invece esiste e reclama forma e sostanza a cominciare dalla partecipazione attiva ad una occasione che o è “occasione” collettiva per far radicare nella coscienza comune un’identità di riscossa e voglia di rinascita o diviene il mero susseguirsi di eventi che fanno il “divertimentificio” che questa regione non può consentirsi di divenire.

Dieci servizi di bus navetta Matera – Ferrandina – Potenza e viceversa, ovvero venti corse giornaliere per mini-bus direttrice Basentana, dieci corse Matera – Venosa – Lavello – Melfi e viceversa, via Bradanica, venti altre corse, più il potenziamento del servizio ferroviario Melfi – Potenza con due convogli aggiuntivi al traffico esistente in coincidenza con le navette stesse, sono forse troppe per una regione, in vista di un appuntamento che non ammette errori o ulteriori ritardi?

Sarebbe imbarazzante che gli appuntamenti elettorali blocchino o ritardino la riprogrammazione del trasporto pubblico di cui la regione ha necessità per “incontrare” flussi turistici che non si può permettere siano ospitati altrove e che vogliamo invece possano “penetrare” tutto il territorio lucano per affermare la ricchezza culturale di una terra che la storia ha consegnato integra ad una modernità con cui occorre confrontarsi senza perdersi.

Miko Somma   

un referendum pericoloso…

vorrei che qualcuno in alto ed in basso, prima di attivare ragionamenti kosovari, ragionasse di strategia territoriale ed assi di sviluppo…

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

il referendum per l’annessione della provincia di taranto alla basilicata è una cosa pericolosissima per l’integrità della nostra regione, che forzosamente si ritroverebbe un altro capoluogo di fatto in uno spostamento del baricentro economico vero la città japigia e verso quella sciamannata zona economica speciale che si intende creare proprio tra taranto e la val basento…

una disarticolazione funzionale del territorio che in un siffatto accorpamento territoriale, vedrebbe in realtà lo smembramento reale della regione, isolando la provincia di potenza a nord e spingendola nell’area economica campana…

se questo progetto si concretizzasse in un referendum, il mio voto ed il mio invito al voto ai lucani sarebbe NO

Pubblicato in Blog

il rafano, una radice identitaria per i lucani…

Il rafano, chiamato anche barbaforte, rafano rusticano, rafano tedesco, o cren (Armoracia rusticana L.) è una pianta erbacea perenne delle Crucifere. Il genere Armoracia al quale appartiene è monospecifico.

L'immagine può contenere: pianta, natura e spazio all'aperto

Originario dell’Europa Orientale, il rafano viene consumato in Europa da tempi antichissimi, ma la sua fama sopravvisse soprattutto tra le popolazioni nordiche ed in alcune preparazioni tipiche di alcune regioni italiane, tra cui la nostra Basilicata.

La pianta del rafano, solitamente perenne e rustica, raggiunge anche il metro di altezza e si caratterizza per la presenza di grandi foglie ruvide di color verde intenso, con piccoli fiori bianchi all’inizio dell’estate.

L'immagine può contenere: pianta, spazio all'aperto e natura
Le foglie sono talvolta impiegate in infusi e preparazioni contro i piccoli dolori, ed anche in alcune misticanze tipiche della nostra cucina, ma le principali parti eduli sono le radici che possono raggiungere i 50cm di lunghezza con diametro dai 2 ai 7 cm, buccia rugosa di color brunasto, in generale asportata con l’uso di un coltello, e polpa molto soda dal caratteristico colore bianco-crema.

L'immagine può contenere: cibo
Pianta spontanea, ma da coltivarsi per raccolti certi (spesso la pianta si “perde” nell’intrico vegetale, riducendosi nella lotta con altre essenze più veloci nella crescita, sopravvivendone le radici nel terreno, ma rese così impossibili da trovare senza una presenza della parte vegetativa) in terreni soleggiati e fertili, il rafano viene piantato, come pianta annuale, a febbraio in terreni precedentemente concimati e drenati, attraverso porzioni di radici con principi vegetativi.

L'immagine può contenere: pianta e natura
La pianta viene raccolta e, fatto salvi gli utilizzi delle foglie, quasi sempre scartate, la radice viene pulita dal terreno e conservata in acqua per l’uso fresco o in frigorifero, avvolta in pellicola metallica, per un uso posposto.

 
Molti sono i modi in cui il rafano può essere utilizzato in cucina e notevoli sono le sue proprietà; questa particolare radice dal sapore acre e piccante contiene infatti vitamina C, vitamina B1, acido ascorbico, zuccheri, aminoacidi e pectine.

L'immagine può contenere: fiore, pianta, natura e spazio all'aperto
Pur essendo possibile l’uso del rafano in polvere, essiccato e ridotto in polvere per arricchire e valorizzare l’aroma delle pietanze, molto più diffuso è invece l’utilizzo del rafano fresco grattugiato finemente per mantenere il suo caratteristico sapore dolce, lievemente piccante ed acre e fortemente aromatico-balsamico (si avverte molto nelle vie respiratorie, causando spesso lacrimazione), ed essere così usato, secondo la tradizione potentina sopra alla pasta con ragù, particolarmente nel periodo carnevalesco, con l’ironico appellativo “tartufo dei poveri” (“u tartuf’ d’i povr’ òmm”) o, più raramente, affettato a julienne all’interno di insalate fresche, o nella cosiddetta rafanata, in cui la radice grattugiata fresca è unita a formaggio pecorino, uova sbattute, prezzemolo e pepe nero per la preparazione di una frittata alta anche alcuni centimetri, in una ricca pietanza sempre tipica del periodo di Carnevale.

L'immagine può contenere: fiore, pianta, natura e spazio all'aperto

Usato invece cotto il rafano si sposa perfettamente con verdure come verze, patate, barbabietole, legumi o sedano in misticanze vegetali tipiche della cultura più interna della provincia di Potenza.

In centro e nord Europa ed in parte del nord del nostro paese (triveneto e cucina triestina), invece, l’uso prevalente del rafano o cren, nome con il quale è lì conosciuto, è in forma di salsa appunto di cren (la radice viene macinata in una pasta omogenea a cui sono aggiunti aceto, mele e pangrattato fine) da sposare con carni alla griglia, al forno, bolliti, pesce affumicato o frutti di mare.

Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Capparales
Famiglia Brassicaceae
Genere Armoracia
Specie A. rusticana

Pubblicato in Blog

una nuova senatrice a vita

Il presidente della repubblica nomina liliana segre, 88 anni, senatrice a vita…a 80 anni dalle odiose leggi razziali ed a pochi giorni dalle idiozie di un candidato, una sopravvissuta ad oświęcim (auschwitz) in senato è una bella notizia

Nata a Milano in una famiglia ebraica, visse insieme a suo padre, Alberto, e ai nonni paterni, Giuseppe Segre e Olga Loevvy. La madre, Lucia Foligno, morí quando Liliana non aveva ancora compiuto un anno. Di famiglia laica, la consapevolezza di essere ebrea giunge a Liliana attraverso il dramma delle leggi razziali fasciste del 1938, in seguito alle quali viene espulsa dalla scuola.

Dopo l’intensificazione della persecuzione degli ebrei italiani, suo padre la nascose presso amici, utilizzando documenti falsi. Il 10 dicembre 1943 cercò, assieme al padre e due cugini, di fuggire in Svizzera: i quattro furono però respinti dalle autorità del paese elvetico. Il giorno dopo, venne arrestata a Selvetta di Viggiù, in Provincia di Varese, all’età di tredici anni. Dopo sei giorni in carcere a Varese, fu trasferita a Como e alla fine a Milano, dove fu detenuta per quaranta giorni.

Il 30 gennaio 1944 venne deportata dal Binario 21 della stazione di Milano Centrale al campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau, che raggiunse sette giorni dopo. Fu subito separata dal padre, che non rivide mai più e che sarebbe morto il successivo 27 aprile. Il 18 maggio 1944 anche i suoi nonni paterni, arrestati a Inverigo, in provincia di Como, e deportati dopo qualche settimana ad Auschwitz, furono uccisi al loro arrivo, il 30 giugno.

Alla selezione, ricevette il numero di matricola 75190, che le venne tatuato sull’avambraccio. Fu impiegata nel lavoro forzato nella fabbrica di munizioni Union, che apparteneva alla Siemens, lavoro che svolse per circa un anno. Durante la sua prigionia subì altre tre selezioni. Alla fine di gennaio del 1945, dopo l’evacuazione del campo, affrontò la marcia della morte verso la Germania.

Venne liberata il primo maggio 1945 dal campo di Malchow, un sottocampo del campo di concentramento di Ravensbrück. Dei 776 bambini italiani di età inferiore ai 14 anni che furono deportati al Campo di concentramento di Auschwitz, Liliana fu tra i venticinque sopravvissuti.

Dopo lo sterminio nazista, visse con i nonni materni, di origini marchigiane, unici superstiti della sua famiglia. Nel 1948 conobbe Alfredo Belli Paci, cattolico, anch’egli reduce dai campi di concentramento nazisti per essersi rifiutato di aderire alla Repubblica Sociale. I due si sposarono nel 1951 ed ebbero tre figli.

Per molto tempo, non ha mai voluto parlare pubblicamente della sua esperienza nei campi di concentramento. Solo nei primi anni novanta ha deciso di interrompere questo silenzio; da allora si è resa disponibile a partecipare ad assemblee scolastiche e convegni di ogni tipo per raccontare ai giovani la propria storia, anche a nome dei milioni di altri che l’hanno con lei condivisa e che non sono mai stati in grado di comunicarla.

benevenuta, senatrice…e tutti ci auguriamo che il nuovo senato sia all’altezza della sua storia

Pubblicato in Blog