la pagella ed il mare mortis

la vignetta di makkox ci racconta una amara realtà…era un ragazzo di 14 anni, affogato nel mediterraneo, ed aveva cucito la sua pagella dentro una tasca, come accertato durante l’autopsia, perché voleva dimostrarci che lui era bravo a scuola, molto bravo, tanto bravo da immaginare che il suo destino non sarebbe stato perire in un naufragio…tristezza immane per lui, i suoi sogni interrotti troppo presto ed un paese diventato cattivo, troppo perché lo si possa ancora considerare civile

Pubblicato in Blog

#2019annolucano

due auspici coincidenti…il primo, che marcello pittella faccia con ancor più chiarezza un passo indietro, così rasserenando il clima politico, il secondo, che tutti i lucani si concentrino sul percorso che da sabato porterà matera e tutta la regione al centro della scena internazionale perché è in questo contesto fortunato che dovremmo, e spero dovremo, tenere le ormai prossime elezioni regionali per dare un’altra occasione a questa terra che la merita ed a testa alta affermare la nostra civiltà
#2019annolucano

Pubblicato in Blog

i temi e soltanto i temi

ho paura che sarà una campagna elettorale dai toni verbali violenti, che verterà con abbondanti deiezioni d’odio più sul passato ed i suoi errori, che sul futuro e le azioni che occorre intraprendere tutti insieme come comunità…dovessi essere coinvolto, giuro di stare solo e soltanto sui temi per amore di una meravigliosa piccola comunità che forse non ha ancora ben compreso il tesoro che custodisce in grembo

L'immagine può contenere: 1 persona, testo

Pubblicato in Blog

buon natale

I miei più vivi e sinceri auguri agli antifascisti ed antirazzisti, a chi crede nelle società aperte e solidali, a chi non diffonde paure, complotti ed assiomi salvifici, a chi non ha bisogno di nemici per dire io esisto, a chi non rimesta nel torbido 364 giorni l’anno, a chi crede nella pace e nella giustizia, a chi costruisce ponti, case ed apre nuove strade, a chi non ha terrore del diverso, a chi non distingue di chi sia la mano che chiede conforto ed aiuto ed in particolare ai miei corregionali, forse confusi, ma che alla fine sceglieranno per bene con chi governare la regione…

L'immagine può contenere: persone che sorridono, una o più persone, occhiali, selfie e primo piano

in estrema sintesi auguri a tutti, tranne che ai leghisti, ai 5stelle, ai renzioti, ai berluskani …

Pubblicato in Blog

capre senatoriali

ma con che dignità i senatori di maggioranza voteranno la fiducia al maxiemendamento che non hanno letto?…

VERGOGNATEVI, CAPRE, STATE CONTRIBUENDO ALLA DISSOLUZIONE DELLA DEMOCRAZIA PARLAMENTARE

Pubblicato in Blog

il ghiacciaio del cratere korolev su marte

Un lago ghiacciato tutto l’anno, nel cratere Korolev, pianure settentrionali di Marte: è la spettacolare immagine diffusa dall’Agenzia spaziale europea (Esa) e ottenuta da 15 anni di sorvoli di Mars Express, in orbita dal 25 dicembre 2003. Lo scatto è un mosaico delle strisce messe insieme per formare un’unica immagine. Il cratere di Korolev è lungo 82 chilometri e si trova nelle pianure settentrionali di Marte, appena a Sud di una vasta area di dune, nota come Olympia Undae. Il ghiaccio a centro del cratere raggiunge circa 1,8 chilometri di spessore tutto l’anno, conservato da una “trappola fredda”, ovvero l’aria che si muove sopra il deposito di ghiaccio si raffredda e affonda, creando uno strato freddo che si mantiene e mantiene nel tempo il ghiacciaio.

L'immagine può contenere: cibo e acqua

Pubblicato in Blog

ggente de passaggio

a quanto pare lo stato è mattarella, gli altri sono “ggente de passaggio”…vanno bene balconi e selfie con spacciatori, ma accogliere la salma di uno sfortunato ragazzo vittima della follia integralista proprio no

L'immagine può contenere: 3 persone, persone in piedi

Pubblicato in Blog

una brutta fotografia…

ansa – Un sovranismo psichico, prima di quello politico, come risultato della cattiveria che gli italiani provano, per riscattarsi dalla delusione per la mancata ripresa economica, e che spesso rivolgono contro gli stranieri. E’ la diagnosi impietosa della situazione sociale italiana, come risulta dal 52/o rapporto Censis che ha analizzato la società italiana. All’origine del sentimento c’è il cosiddetto ascensore sociale: l’Italia è il paese dell’Unione europea con la più bassa quota di cittadini che dicono di avere un reddito e una capacità di spesa migliori di quelle dei propri genitori: sono il 23% contro una media europea del 30% (i picchi sono in Danimarca a quota 43% e in Svezia al 41). A pensarlo sono soprattutto le persone con un reddito basso, convinte che nulla cambierà nel loro portafogli. La delusione si intreccia con la percezione di essere poco tutelati ‘a casa’: il 63,6% è convinto che nessuno difende i loro interessi e la loro identità e che devono pensarci da soli. “La non sopportazione degli altri sdogana i pregiudizi, anche quelli prima inconfessabili”, sottolinea il capitolo del Censis che fotografa la società italiana.

PERICOLO MIGRANTINel mirino dei ‘cattivi sovranisti’ finiscono soprattutto gli stranieri: il 69,7% degli italiani non vorrebbe i rom come vicini di casa e il 52% è convinto che si fa di più per gli immigrati che per gli italiani. La quota raggiunge il 57% tra le persone più povere. Da qui la conclusione del Censis: “sono i dati di un cattivismo diffuso che erige muri invisibili ma spessi”. I più bersagliati, inoltre, risultano gli extracomunitari: il 63% degli italiani vede in modo negativo l’immigrazione dei Paesi non comunitari contro una media Ue al 52% e il 45% non tollera anche quelli comunitari (in Europa la media è al 29%). I più ostili sono gli italiani più fragili: il 71% di chi ha più di 55 anni e il 78% dei disoccupati, mentre il dato scende al 23% tra gli imprenditori. Ma perché tanta ostilità? gli stranieri tolgono il lavoro agli italiani è la risposta del 58%, per il 63% sono un peso per il welfare mentre il 37% crede che il loro impatto sull’economia sia favorevole.

ONDATA ASTENSIONE – Accanto al fronte immigrazione, si apre quello sul voto: alle ultime elezioni politiche gli astenuti e i votanti scheda bianca o nulla sono stati 13,7 milioni alla Camera e 12,6 al Senato. Una pratica che è schizzata negli ultimi decenni: dal 1968 a oggi l’area del non voto è salita dall’11,3% di 50 anni fa, al 29,4%. Inoltre, il 49% degli italiani crede che gli attuali politici siano tutti uguali, mentre divide il loro uso dei social network: per il 52,9% sono inutili o dannosi, contro il 47,1% ce li apprezza perché eliminano ogni filtro nel rapporto cittadini-leader politici.

MIRAGGIO ITALIEXIT? – Pochissima convinzione anche rispetto all’Unione europea: oggi secondo il Censis, il 43% degli italiani pensa che far parte delle istituzioni europee abbia giovato all’Italia contro una media del 68% nel resto del Vecchio continente. “Siamo all’ultimo posto in Europa, addirittura dietro la Grecia della troika e il Regno Unito della Brexit”, scrive l’istituto di ricerca. Eppure finora gli italiani sono stati tra i più assidui ‘fan’ di Bruxelles e in particolare al voto: nel 2014 l’affluenza alle elezioni europee era al 72%, rispetto al 42,6 della media. A maggio ci sarà un’importante prova per capire se c’è ancora fedeltà. 

SI GUARDA AL SOVRANO AUTORITARIO – L’Italia sta andando “da un’economia dei sistema verso un ecosistema degli attori individuali, verso un appiattimento della società“, in cui “ciascuno afferma un proprio paniere di diritti e perde senso qualsiasi mobilitazione sociale”. “Ognuno – si legge nel rapporto – organizza la propria dimensione sociale fuori dagli schemi consolidati” e così “il sistema sociale, attraversato da tensioni, paure, rancore, guarda al sovrano autoritario e chiede stabilità” e “il popolo si ricostituisce nell’idea di una nazione sovrana supponendo” che “le cause dell’ingiustizia e della diseguaglianza sono tutte contenute nella non-sovranità nazionale”. Se “siamo di fronte a una politica dell’annuncio”, a giudizio del Censis “serve una responsabilità politica che non abbia paura della complessità, che non si perda in vincoli di rancore o in ruscelli di paure, ma si misuri con la sfida complessa di governare un complesso ecosistema di attori e processi”.

——————————————————-

credo inutile commentare…al lavoro, dunque o il paese è perso

Pubblicato in Blog

curiosity ha fotografato delle tracce di acqua fluita da poco?

 stamane dalle foto del rover curiosity Right Navigation Cameras (Navcams) images for Sol 2250…nella prima foto e nella seconda che ho virato in seppia per acuire il contrasto, con l’ausilio di qualche freccia e numero, cosa sono queste macchie scure?…acqua fluita da poco, con il terreno ancora bagnato?…nelle altre segnali di scorrimento apparentemente recenti

l’indirizzo a cui trovare le foto https://mars.nasa.gov/msl/multimedia/raw/…
non ci sono dati di oggi sulle temperature al suolo, quelle da cui potrebbe dipendere lo scioglimento di strati di ghiaccio superficiali, ma al sito https://mars.nasa.gov/…/mi…/instruments/environsensors/rems/
risulta per il sol 2246 una temperatura massima al suolo di 11 gradi

L'immagine può contenere: spazio all'aperto, acqua e natura

L'immagine può contenere: notte e spazio all'aperto

L'immagine può contenere: cielo, oceano, spazio all'aperto, acqua e natura

L'immagine può contenere: spazio all'aperto e natura

L'immagine può contenere: spazio all'aperto, acqua e natura

Pubblicato in Blog