SEL, MARTEDI’ PRESENTAZIONE DEL PIANO AZIENDALE STRATEGICO
Conferenza stampa del presidente della Regione Vito De Filippo e del presidente della Società Rocco Colangelo. Efficienza e sostenibilità energetica, nuove fonti di ricchezza collettiva.
23/02/2009 15.28.24
[Basilicata]
(AGR) – E’ convocata per martedì 3 marzo, alle ore 11,00, presso la Sala Verrastro della Giunta Regionale, la conferenza stampa di presentazione del Piano Strategico Aziendale della Società Energetica Lucana, che il Consiglio di Amministrazione della SEL ha adottato a poche settimane dall’entrata in vigore della Finanziaria regionale 2009. Incontreranno i giornalisti il Presidente della Regione Vito De Filippo e il presidente della Società Rocco Colangelo.
Valorizzare le risorse e le opportunità energetiche del territorio regionale a beneficio della collettività, contribuire ad un uso intelligente ed efficiente dell’energia ed un modello di vita e di sviluppo ecocompatibile, promuovere l’autonomia energetica della pubblica amministrazione lucana, ridurre i costi energetici di cittadini famiglie ed imprese, fare da supporto alla Regione nella gestione degli accordi relativi all’estrazione di idrocarburi. E’ la mission della Società Energetica Lucana (SEL), come delineata dal Piano Strategico Aziendale.
Con l’adozione del Piano la SEL allinea i propri interventi all’indirizzo politico europeo della sostenibilità energetico-ambientale: installare circa 200 MW di impianti che generano energia rinnovabile con un programma di interventi di razionalizzazione e riduzione dei consumi nelle strutture pubbliche, prevedendo per i soli impianti che impiegheranno tecnologie rinnovabili un investimento complessivo di 291 Meuro, di cui 113 Meuro con risorse SEL e 178 Meuro con risorse di terzi, ricavabili attraverso il meccanismo della concessione. Gli impianti (25 MW da fotovoltaico e 175 MW tramite impianti di produzione eolici o ibridi) verranno realizzati su aree attualmente non utilizzate o scarsamente utilizzate (terreni regionali, terreni di enti pubblici economici della regione, superfici di edifici di proprietà regionale).
Alla SEL è inoltre affidato un ruolo di protagonista attivo sia nella commercializzazione sul Punto di Scambio Virtuale del gas naturale conferito alla Regione, sia nella razionalizzazione, nell’acquisto e nella gestione aggregata dei consumi energetici delle pubbliche amministrazioni lucane, nonchè dei soggetti privati eventualmente interessati.
Ma, ai fini del perseguimento delle finalità generali della politica energetico-ambientale regionale, fondamentale resta l’adesione consapevole dei consumatori, delle imprese e della comunità regionale a nuovi stili di comportamento e di consumo. Di qui il notevole spazio che il Piano riserva a interventi di formazione e ricerca e servizi di informazione e education ai cittadini, unitamente alle attività di supporto alla Regione ed agli enti pubblici del sistema-Regione.
Con gli interventi messi in atto, la Regione Basilicata pone i presupposti per la costruzione di un modello di sviluppo innovativo, alimentato da una cultura sociale della sostenibilità e capace di generare per il territorio vantaggi e benefici socio-ambientali e lo sviluppo endogeno di filiere produttive tecnologiche nel settore dell’energia.
Il Piano Strategico Aziendale della SEL è stato già inviato al Presidente della Regione Vito De Filippo e sarà oggetto nelle prossime settimane di incontri di approfondimento con le forze politiche, sociali ed economiche regionali.

——————————————————————————–

gioco quasi svelato, dunque…fare da supporto alla regione negli accordi relativi all’estrazione di idrocarburi….preannuncio di nuovi permessi….ampio finanziamento dai terzi per la realizzazione di impianti (terzi garantiti dai fondi cip 6 erogati dal cipe) con il meccanismo della concessione…come dire che i privati usufruiranno della maschera pubblica per affari molto privati…solo 25 mw da fotovoltaico e 175 da eolico o impianti ibridi…indiscrezioni sul piano energetico confermate…controllare tra i familiari di alcuni assessori se non vi siano mogli con quote di società impegnate nell’eolico (che eolo-crac-o!!!)…gestione aggregata dei consumi pubblici ed ”eventualmente” privati…si ripete acquedotto lucano (mentore di acqua s.p.a. venduta già al 40% alla regione puglia con opzione di acquisto veolia)…allucinante!!!…preghiamo i magistrati di investigare in profondità in questo affare bipartizan…domani non potrò esserci (sono in val d’agri per la manifestazione), ma spero qualcuno vada a filmare l’evento e lo mandi al comitato per eternizzare il basso impero dello sfruttamento della damigiana energetica lucana…siamo nelle mani di una banda!!!

…certo che se al posto di rocco colangelo (uomo tanto brutto da apparire una piaga d’egitto e da far urlare al motto lucano di “guardati dai s’gnati d’ ges’crist”)  e vito de filippo (uomo tanto sospetto di collusioni da apparire una piaga da decupito e da far urlare al motto lucano di “articolo quinto, chi ten’ m’man’ ha vint”) ci fossero persone serie e seriamente impegnate al benessere del popolo lucano, la sel pure apparirebbe altro da quel coacervo di interessi “altri” che attualmente appare a qualsiasi persona dotata di buon senso…ma questi firmano e firmano e firmano!!!

fuori dalla nostra regione mafie e multinazionali di energia, acqua e rifiuti…e fuori anche i vito-cco de filipp-angelo!!!…ed in campagna elettorale gli prometto sarà anche peggio!!!

Pubblicato in Blog

VAL D’AGRI, PARLAMENTARI LUCANI PDL SU REINTEGRO TOTARO
 
23/02/2009 10.51.59
[Basilicata]
Commentando la notizia in merito al reintegro dell’Ing. Domenico Totaro nel suo ruolo di Commissario straordinario del Parco della Val d’Agri, dopo la notifica del pronunciamento del Consiglio di Stato, i parlamentari lucani del PdL Viceconte, Taddei, Latronico e Digilio, esprimono soddisfazione affermando inoltre che tale atto smentisce, in modo categorico, quanto affermato nei giorni scorsi dagli esponenti della Giunta regionale di Basilicata che avevano fornito una diversa interpretazione della sentenza del Consiglio di Stato.

——————————————————————————–

ovvio che gongolino!!!…congelamento del parco in attesa di una serie di leggi che dalla caccia, aperta ai sedicenni ed in ogni periodo dell’anno, all’edilizia, abbassamento ulteriore dei vincoli, alle stesse estrazioni petrolifere, il famigerato 1441 ter, lo ridurranno praticamente a zero…in realtà la stessa sentenza è ben poco chiara, ma sostanzialmente reintegra subito totaro, congelando però le sue funzioni fino al 2 maggio 2009 per dar tempo alla regione di trovare quella benedetta lista di nomi da proporre al ministero dell’ambiente…ed il parco intanto, ultima frontiera contro l’arroganza eni nella valle del petrolio, sta a guardare…quello che in sostanza volevano la giunta, assecondando eni, ed il centro-destra, assecondando eni anch’essi…e noi il 28 andiamo a dire la nostra in piazza a villa d’agri

Pubblicato in Blog

potrebbe essere interessante

UNIONCAMERE BASILICATA: DOMANI FOCUS SU INFRASTRUTTURE
 
23/02/2009 11.26.04
[Basilicata]

Unioncamere Basilicata, in collaborazione con l’Istituto Tagliacarne, struttura specializzata in analisi e studi economico-statistici, presenta domani, 24 febbraio alle 10.00, nella Sala Economia della Cciaa di Potenza, in Corso XVIII Agosto 34, uno Studio finalizzato a valutare il ruolo delle infrastrutture nello sviluppo economico della regione. “Obiettivo prioritario del lavoro – spiega il presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte – è il monitoraggio della dotazione infrastrutturale della Basilicata e della sua adeguatezza rispetto alle esigenze del tessuto socio-produttivo locale, al fine di individuare scelte prioritarie di intervento da inserire nella nuova programmazione e di proporre azioni di accelerazione per concretizzare eventuali progetti già programmati”. Lo studio ha focalizzato in particolare l’attenzione sulle criticità, le carenze e i punti di forza del contesto infrastrutturale regionale e provinciale, valutando, altresì, la corrispondenza tra la dotazione infrastrutturale e le effettive esigenze delle imprese. Allo scopo, per l’analisi, sono stati utilizzati sia dati strutturali che informazioni raccolte per mezzo di una indagine svolta presso un campione di 800 aziende regionali. Nel focus di approfondimento, dopo i saluti del presidente di Unioncamere Basilicata, Pasquale Lamorte e l’introduzione del direttore di Unioncamere Basilicata, Michele Di Tolla, seguirà la relazione del dirigente responsabile area studi e ricerche dell’ Istituto Guglielmo Tagliacarne Roma, Giuseppe Capuano.

——————————————————————————-

chi può ci vada…la camera di commercio di potenza, inconsapevolmente, offre sempre spaccati della realtà con cui ci tocca convivere…chi ricorda l’incontro tra camera di commercio di pz e total, quando costei esaltava il suo modello e ci proponeva vie di sviluppo legate alla sua esperienza?…altre sorprese in vista?

Pubblicato in Blog

SPOT SU BASILICATA A SAN REMO, INTERROGAZIONE DI LORENZO
 
23/02/2009 11.47.25
[Basilicata]
                                                                                                                         

  (ACR) – Il consigliere regionale del gruppo misto – Popolo della Libertà e vice presidente della Terza Commissione consiliare, Pasquale Di Lorenzo, ha presentato un’interrogazione urgente al presidente della Giunta, Vito De Filippo, riguardante i costi di realizzazione della Spot sulla Basilicata andato in onda durante il Festival di San Remo….

“Sono questi i motivi – spiega Di Lorenzo – che ci hanno indotto a chiedere a quanto sono ammontati i costi di realizzazione e di messa in onda dello spot stesso, il nome della società che ha realizzato tale opinabilissima produzione, nonché le valutazioni che sono state alla base di tale scelta in sede di Commissione del lavoro e qual è stato il metodo di aggiudicazione del lavoro commissionato…”

——————————————————————————-

riduco al minimo indispensabile il comunicato di di lorenzo…la sostanza della richiesta è sapere chi, come, dove, quando, quanto e perchè ha commissionato quella schifezza di spot…domanda lecita, di lorenzo…i costi saranno stati nell’ordine di un milione, un milione e mezzo di euro che potevano essere spesi per più nobili fini e soprattutto in maniera più limpida e concertata, essendo dopotutto soldi pubblici e non denari dei sig.i de filippo & co….forse occorreva ribaltare una immagine poco edificante della basilicata, vedi caso totalgate, grande sponsor proprio vito de filippo?…forse per questo la procedura è stata tanto rapida e silenziosa…viva il pecorino e le salsiccie dunque, nella basilicata petrol-podolica va tutto bene, va sempre tutto bene!!!  

Pubblicato in Blog

INIZIATIVE CARNEVALE, AUTILIO: VALORE CULTURALE E TURISTICO
 
23/02/2009 15.34.01
[Basilicata]

(AGR) – “Il Pil del turismo culturale sul totale del Pil dell’economia turistica italiana pesa il 33%, con un valore pari a 54 miliardi di euro. E’ sufficiente questo dato a testimoniare come anche le manifestazioni popolari dedicate al Carnevale che si svolgono tra oggi e domani in tanti centri regionali, tra i quali Tricarico, San Mauro Forte, Satriano e Trecchina, ma anche in centri del Pollino ed altri, hanno la duplice valenza di rafforzare l’identità culturale e di richiamo turistico”. E’ quanto sostiene l’assessore regionale alla Formazione-Lavoro-Cultura Antonio Autilio annunciando che il turismo culturale sarà il tema centrale della Conferenza Nazionale degli Assessori Regionali alla Cultura e al Turismo in programma il 27 e il 28 febbraio prossimi a Torino. La prima giornata di lavori sarà presieduta da Autilio che ha l’incarico di coordinatore degli assessori regionali alla Cultura. “Anche le iniziative del Carnevale dunque – aggiunge Autilio – contribuiscono all’obiettivo di promuovere un’immagine nuova, distintiva ed unitaria della Basilicata in grado di attrarre adeguati flussi turistici nell’intero territorio nonché di contribuire concretamente alla qualificazione professionale degli operatori nel settore ed alla crescita della capacità imprenditoriale di specie e riscoprire le tante peculiarità culturali disseminate in ogni realtà comunale del nostro territorio e conseguentemente di porle in rilievo. La Basilicata – aggiunge – può sviluppare un vantaggio competitivo sostenibile nei settori legati alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale. Questo tema assume maggiore importanza se si pensa che possediamo un ampio patrimonio culturale con le eccellenze dei Sassi di Matera, Patrimonio Unesco, e presto ci auguriamo dei Laghi di Monticchio, di castelli, chiese e Parchi Archeologici. Se a tutto ciò aggiungiamo le manifestazioni popolari ed etnico-culturali abbiamo ancora una maggiore potenzialità tutta da valorizzare. La cultura pertanto può rappresentare – a parere di Autilio – una valida risposta alla crisi del turismo tanto più che la tendenza di ridurre i giorni di vacanza degli italiani ci può premiare come destinazione di prossimità per i turisti delle regioni vicine in cerca di eventi e manifestazioni autenticamente popolari”.

——————————————————————————-

w il carnevale, insomma, la festa del mascheramento…quello di una giunta che ha messo la maschera ed improvisamente, come nulla fosse stato, torna a far parlare di sè…purtroppo…autilio parla di percentuali del turismo culturale italiano al 33%, ma dimentica quanto invece trapelato sul turismo lucano e sugli investimenti per favorirlo…qui si spende di più e si attira di meno e questi sono fatti, assessore, come da rapporto unioncamere del 13 febbraio 2009 che cito testualmente…

In Basilicata, nell’ultimo decennio, Regione ed Enti locali hanno speso mediamente 11,84 Euro per presenza turistica: un valore quasi doppio rispetto alla media meridionale (6,91 Euro) e ancor più elevato rispetto a quella nazionale (4,26 Euro)…Un Euro di spesa pubblica ha infatti determinato una crescita di 63 centesimi del valore aggiunto del settore, in media all’anno, contro i 73 centesimi del Mezzogiorno ed i 93 dell’Italia. L’ammontare medio degli investimenti realizzati nel settore per ogni Euro di spesa è stato di 2,96 Euro, contro i 3,74 del Mezzogiorno e i 4,87 dell’Italia…

La relativamente bassa diffusione di consumi turistici nella regione spiega il non elevato contributo del turismo alla produzione di ricchezza regionale: soltanto il 3,3% del Prodotto Interno Lordo della Basilicata è ascrivibile, infatti, alle attività turistiche, contro una media meridionale del 5,0% e nazionale del 5,1%.

ora se la matematica non è un’opinione, in questa regione i “fatti” turistici stanno a zero ed avanzano invece le “chiacchiere”…il turismo culturale di cui lei parla da queste parti è cosa di fatto sconosciuta, anche grazie a certi assessori con delega alla cultura che proprio di cultura non ne fanno (ed infatti preferiscono gestire la formazione)…non capiamo cosa ci vada a fare a torino, a parlare di cultura e turismo o a fare una gitarella di piacere? chissà cosa direbbero i suoi colleghi di certi operati spensierati di via anzio, anche perchè questa giunta si è distinta soprattutto per l’erosione del territorio in favore di alcuni progetti imprenditoriali autorizzati con delibere di giunta che portano tutte la sua firma, insieme a quella del resto del carrozzone…comunque se i dati unioncamere le fossero sconosciuti le forniamo il link  www.bas.camcom.it 

Pubblicato in Blog