ad evitar molestie

Telemarketing, al via il Registro Pubblico delle Opposizioni03/02/2011 18:52BAS   A partire dal 01 febbraio 2011 i cittadini- consumatori potranno essere liberamente molestati per finalità commerciali, non avendo più alcuna validità le preferenze espresse in passato per l’inserimento negli elenchi telefonici.
Pertanto coloro che non vogliono ricevere a mezzo telefono proposte commerciali, devono iscriversi in una apposito Registro Pubblico delle Opposizioni.
La iscrizione evita il rischio di ricevere telefonate indesiderate essa può essere eseguita attraverso la compilazione del modulo elettronico consultabile sul sito www.registrodelleopposizioni.it oppure telefonicamente al numero 800265265.
La Federconsumatori resta disponibile a fornire ulteriori informazioni presso tutti gli sportelli presenti sul territorio consultabile sul portale www.federconsumatoripotenza.it.

Pubblicato in Blog

Federalismo: Fini, decreto respinto, situazione senza precedenti

  

Roma, 3 feb. (Adnkronos) – Con il voto di oggi sul federalismo municipale, nella sede della ‘bicameralina’, si e’ manifestata una situazione “senza precedenti”. Secondo il presidente della Camera Gianfranco Fini, infatti, il ‘pareggio’ sullo schema di decreto presentato dal governo non esiste e il provvedimento va, senza dubbio, considerato bocciato.

—————————————————————————————————————-

tutti a casa, buffoni!!! 

Pubblicato in Blog

ora basta…

Circa 20 milioni di euro per imprese e occupazione03/02/2011 16:31La Giunta regionale ha stanziato contributi a favore di tre imprese in Val Basento e in Val d’Agri. Restaino: “Sostenere le imprese che investono nell’innovazione tecnologica e creano nuovi posti di lavoro”.

AGRTre interventi strategici per lo sviluppo industriale di due aree della Basilicata, la Val Basento e la Val d’Agri, e per la creazione di nuovi posti di lavoro da destinare soprattutto ai giovani lucani, sono stati approvati dall’esecutivo regionale guidato dal Presidente Vito De Filippo nel corso dell’Ultima seduta.

Sette milioni di euro sono stati assegnati alla ditta Alex Spa per la realizzazione di un programma di spesa relativo all’ampliamento dell’impianto produttivo ubicato nell’area industriale della Val Basento, nel comune di Pisticci, in provincia di Matera.
Due milioni 589.500 euro alla ditta Sogemont Srl per la realizzazione di un nuovo impianto produttivo sempre in Val Basento.
Mediante l’Avviso Pubblico Val d’Agri, invece, sono stati stanziati di 9 milioni e 800 mila euro alla ditta Valves Hitech Srl per la costruzione di un nuovo impianto produttivo nel settore della meccanica di alta precisione ubicato nell’area Pip, località Giardini-Calderaro, in agro del comune di Sant’Arcangelo.

I contributi concessi dalla Giunta regionale, secondo quanto previsto dalla legge regionale n.1/2009 e dalla delibera di giunta regionale n. 2123/2009 – sono relativi relative all’Avviso Pubblico per la reindustrializzazione della val Basento e a all’Avviso Pubblico per la Val d’Agri.
Lo rende noto l’assessore alle Attività produttive, Politiche dell’Impresa ed Innovazione tecnologica Erminio Restaino.
“Si tratta di importantissimi provvedimenti – commenta l’assessore Restaino – mirati al rilancio e allo sviluppo dell’imprenditoria industriale, piccola e media i particolare. I primi due, relativi alla Val Basento riguardano un’area che ha tutte le potenzialità, a cominciare da quelle infrastrutturali e dei servizi tecnologici avanzati, per tornare, gradualmente, a occupare un ruolo centrale nelle politiche di rilancio industriale in Basilicata. L’intervento in Val d’Agri, invece, è rivolto all’area sud della regione rispetto alla quale il Governo regionale e il Presidente De Filippo stanno producendo grandi sforzi programmatici ed economici per contribuire ad invertire la tendenza della crisi nazionale ed internazionale che sta mordendo, consequenzialmente purtroppo, anche la nostra regione e le sue aree interne in particolare”.
“Sostenere le imprese, soprattutto quelle che investono nell’innovazione tecnologica e nella creazione di nuovi posti di lavoro – sottolinea Restaino – è la missione del Governo regionale. I tre interventi sovvenzionati con un cospicuo contributo vanno proprio in questa direzione.
Il nuovo impianto produttivo della società manifatturiera Sogemont Srl è finalizzato alla produzione, recupero e riciclaggio di rifiuti provenienti dallo smaltimento di elettrodomestici e prodotti elettronici. Prevede l’occupazione di 17 unità e, fatto che giudichiamo altamente positivo, è proposto da una ditta con sede nel territorio regionale.
Il secondo contributo è stato deliberato a favore della ditta Alex Spa, che già opera nel settore manifatturiero nell’area industriale di Pisticci e produce profilati estrusi in alluminio, che ha presentato un progetto di ampliamento dell’impianto produttivo esistente e che prevede l’occupazione di 30 nuove unità lavorative”.
Il contributo di 9 milioni e 800 mila euro elargito alla ditta Valves Hitech Srl per la costruzione di un nuovo impianto produttivo ubicato nell’area Pip, località Giardini-Calderaro, in agro del comune di Sant’Arcangelo, prevede la creazione di 45 posti di lavoro a regime. Le somme stanziate, per quest’ultima iniziativa industriale, rivengono dalle royalties del petrolio.

—————————————————————————————————————

seguiranno comunicazioni e probabilmente una denuncia diretta…

Pubblicato in Blog

Catalogo regionale di alta formazione: approvate graduatorie03/02/2011 14:02BAS
Con provvedimento del 24 gennaio il Dipartimento Formazione e Lavoro ha concluso l’iter amministrativo per l’approvazione della graduatoria degli ammessi ai Corsi di cui al Catalogo regionale di Alta Formazione. La graduatoria è stata resa pubblica con il B.U.R. n. 4 del 01.02.2011 ed è consultabile anche sul sito istituzionale della Regione Basilicata.
L’Avviso Pubblico di riferimento è stato emanato con l’obiettivo di favorire la crescita delle competenze professionali e rafforzare le condizioni di occupabilità delle persone laureate, attraverso la partecipazione ai percorsi di Alta formazione presenti nel Catalogo regionale istituito con la DGR n. 402 del 26.03.2008. L’intervento prevede la concessione di voucher a copertura dei costi di iscrizione, frequenza ed esami finali dei corsi, oltre che contributi forfettari giornalieri ai partecipanti non residenti nella sede di realizzazione del corso e rimborsi per i periodi di stage effettuati in località lontane dalla residenza e per i quali si rende necessario il soggiorno.
“Mi auguro – dichiara l’Assessore Mastrosimone – che la frequentazione dei Corsi di Alta formazione possa essere occasione per i beneficiari di accrescimento delle proprie competenze professionali e, soprattutto, che il nostro intervento di sostegno possa favorire un collocamento sul mercato del lavoro quanto più confacente alle aspettative di ciascuno e alle competenze acquisite”. Per il raggiungimento di quest’ultimo obiettivo dichiarato dall’Assessore, l’Avviso prevede infatti la concessione di un bonus per l’autoimpiego in favore dei partecipanti che, al termine del corso, conseguano il titolo di specializzazione professionale.

—————————————————————————————————————-

ma qualcuno crede ancora a queste buffonate costose ed inutili?

Pubblicato in Blog

Federalismo municipale:Santarsiero scrive ai parlamentari

03/02/2011 13:51BAS“Con riferimento al decreto legislativo relativo al Federalismo municipale in discussione in questi giorni nelle varie sedi parlamentari competenti, voglio trasferirvi la forte preoccupazione per il negativo impatto che l’impianto legislativo ad oggi proposto può avere sulle nostre realtà comunali.”Così Vito Santarsiero, Sindaco di Potenza, Presidente Anci Basilicata e Responsabile politiche per il Mezzogiorno Anci, oggi al Consiglio nazionale Anci, in una lettera inviata ai Parlamentari Lucani, ai Parlamentari del Mezzogiorno membri della commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale, ai membri del PD della commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale, agli onorevoli Beppe Fioroni e Gero Grassi, al segretario nazionale Pd Bersani, al segretario regionale della Basilicata PD Speranza, al dirigente nazionale Enti locali del PD Zoggia.“Come noto – continua Santarsiero- mentre la piena attuazione della legge 42/09, che continuiamo a considerare un’ottima legge, viene rimandata a successive norme attuative, oggi sostanzialmente si discute di come garantire agli enti locali, attraverso nuove forme di fiscalità, quelle risorse che dal prossimo anno verranno a mancare per effetto dell’azzeramento dei trasferimenti statali.Le norme proposte, incerte nei contenuti e nelle forme, di fatto comportano per le nostre realtà municipali e non solo (l’Anci Lombardia esprime uguali preoccupazioni) tagli notevoli nelle dotazioni finanziarie oggi a disposizione, già peraltro fortemente decurtate da varie manovre finanziarie. In particolare la mancata previsione, in tale fase di transizione, dei fabbisogni standard e del fondo perequativo, previsti dalla legge 42, rendono non accettabile tale proposta di legge.Vi invito pertanto ad attivare ogni utile iniziativa – conclude Santarsiero- per migliorare il testo al fine di garantire le nostre Municipalità ed evitare ulteriori tagli che senza i pilastri portanti del Federalismo risulterebbero iniqui ed ingiustificati.”

Pubblicato in Blog

crle

Policoro, Conferenza annuale Lucani all’estero

03/02/2011 13:08

Da oggi una tre giorni per discutere delle azioni previste per i Lucani emigrati. Per il vicepresidente Scaglione “un momento di incontro e confronto che tende a fotografare la Basilicata fuori dai confini geografici”

ACR      E’ cominciata questa mattina la Conferenza annuale dei Lucani nel mondo: una tre giorni a Policoro, che si concluderà sabato, a cui partecipano oltre ai componenti della Commissione regionale, presieduta da Antonio Di Sanza, con i componenti in rappresentanza di Sud America, Nord America, Oceania ed Europa, anche i presidenti di gran parte delle 15 Federazioni dei Lucani nel mondo e i componenti del Forum dei giovani. Presente alla giornata anche il presidente del Consiglio regionale, Vincenzo Folino.

Ad apertura dei lavori una serie di interventi a cui ha dato avvio la relazione introduttiva del vice presidente della Commissione, Luigi Scaglione.

“Un appuntamento importante – ha sottolineato Scaglione – che viene da lontano: dal lavoro di costituzione della rete avviata da Rocco Curcio, dall’evoluzione del progetto di rinnovamento istituito da Pietro Simonetti; un lavoro continuamente arricchito dagli imput provenienti dalla Commissione Lucani all’estero cui va il mio sincero ringraziamento. La conferenza – ha spiegato Saglione – tenderà a fotografare la Basilicata fuori dai confini geografici e a pensare come poter attivare processi di valorizzazione delle tante intelligenze lucane sparse per il mondo, presentando un territorio, quello lucano, che vuole crescere, espandersi ed aprirsi sempre di più al mondo: non solo ai seicento mila residenti fuori regione”.

A seguire, il presidente della Commissione regionale Lucani all’estero, Antonio Di Sanza, ha proceduto ad illustrare i dettagli delle attività indicate nei nuovi Piani, annuale e triennale, in favore dei lucani emigrati nel mondo, tra cui azioni finalizzate a rafforzare gli scambi culturali e linguistici per i giovani figli di emigrati, ma anche azioni sociali rivolte alle fasce di lucani all’estero indigenti e impossibilitati a garantirsi un’assistenza sanitaria.

Alla ripresa dei lavori nel pomeriggio sono previste l’elezione del comitato esecutivo della Commissione e la discussione, con la relativa approvazione, dei piani triennale e annuale.

Alla giornata, tra i presenti, c’erano anche i consiglieri regionali Falotico (Plb), Singetta (Api) e Castelluccio (Pdl).

—————————————————————————————————————

viaggi a volontà!!!…e voti da gestire nei seggi per gli italiani all’estero

Pubblicato in Blog

Zootecnia: Mazzocco su bocciatura emendamento Apa 03/02/2011 12:33

BAS “L’irresponsabile bocciatura dell’emendamento Apa (Associazioni provinciali Allevatori), sostenuto da tutti gli assessori regionali all’Agricoltura e contenuto nel cosiddetto decreto Milleproroghe, produrrà l’azzeramento delle risorse previste per lo svolgimento delle funzioni pubbliche relative ai controlli funzionali sulle attitudini produttive delle razze di interesse zootecnico, mettendo a rischio la sopravvivenza della selezione genetica nazionale, vanificando di fatto decenni di investimenti pubblici fin qui sostenuti, e consegnando tutto lo sviluppo genetico del patrimonio zootecnico nazionale nelle mani di know how e gruppi provenienti dall’estero”. E’ il commento dell’assessore all’Agricoltura della Regione Basilicata Vima Mazzocco che ha partecipato oggi a Roma alla riunione della Commissione Politiche agricole nazionale della Conferenza delle Regioni.
Mazzocco ha sottolineato che “l’importo per il quale gli assessori regionali all’Agricoltura hanno sostenuto il rifinanziamento anche per il 2011 è pari al 90% della dotazione assegnata nel 2010, per un importo complessivo di 56,5 milioni di euro, facendosi carico responsabilmente di una doverosa riduzione dei costi delle operazioni di rilevamento, registrazione e divulgazione di dati particolarmente rilevanti per le attività di allevamenti zootecnici, che riguardano, complessivamente, oltre 1 milione di capi di bestiame.

Le conseguenze della scelta del Governo – ha aggiunto l’assessore all’Agricoltura – sono pesanti e si ripercuoteranno in vari ambiti: la distruzione della selezione genetica zootecnica nazionale rischia di produrre la totale dipendenza dall’estero; la soppressione di un sistema di controllo puntuale sulla qualità del latte non garantirà i consumatori italiani. Sono inoltre in pericolo alcune migliaia di posti di lavoro di addetti, presenti in tutte le regioni italiane e che da decenni assicurano una funzione pubblica di assistenza sanitaria e tecnica agli allevatori. A ciò si somma il danno alle filiere nazionali per la produzione di carne e latte delle diverse specie, anche ai fini dell’obiettivo generale della sicurezza alimentare, e la rilevanza anche in termini occupazionali del complesso sistema fin qui costituito dall’Associazione nazionale Allevatori e sul territorio dalle Associazioni provinciali.

A difesa degli allevatori, le Regioni – ha concluso Mazzocco – svolgeranno un’intesa azione di pressing nei confronti del Governo, del Parlamento e delle forze politiche, di intesa con le associazioni professionali di categoria, per modificare l’atteggiamento punitivo per l’intero comparto zootecnico dovuto ad una profonda sottovalutazione dell’intera questione, per un risparmio di qualche decina di milioni di euro”.

————————————————————————————————————–

riporto senza commenti quanto dichiarato dalla piccoletta…non ne azzecca una come assessore all’agricoltura (sarà perchè in realtà non ne capisce un tubero?), ma stavolta ha toccato un problema reale…ci sono precise volontà di distruzione del comparto della genetica selettiva italiana (che nulla ha a che vedere con le modificazioni genetiche, intendiamoci) esattamente come dell’intera agri-zootecnia italiana…gli interventi liberisti (con la scusa di risparmi che francamente a volte non si comprendono) come al solito agiscono su lobby trasversali e quel milleproroghe, una vera vergogna, è il contenitore adatto alle sorprese

Pubblicato in Blog

ma che c…. è sta roba?

Mt, Incontro “Tutela ambientale: tra conoscenza e coscienza”03/02/2011 09:32

BAS  “Tutela ambientale: tra conoscenza e coscienza” è il tema di un incontro dibattito che si svolgerà sabato 5 febbraio a Matera alle ore 17:00, presso l’aula didattica del garden center Dichio di Matera (s.s. 99 km 12,700, centro comm. Venusio).
Si tratta – spiegano gli organizzatori – di una prima iniziativa nell’ambito di un ciclo di seminari dal titolo “Giornate Tecniche 2011”.
L’organizzazione della terza edizione delle giornate tecniche – si legge in una nota – nasce dalla profonda convinzione che il trasferimento di know-how, ai diversi livelli di approfondimento, possa contribuire a far crescere la sensibilità sul ruolo e sulle funzioni del verde anche in relazione alle tematiche ambientali.
L’incontro avrà la funzione di confrontarsi e di arricchirsi su tematiche di interesse comune con l’auspicio di creare sinergie tra settore pubblico, privato e professionale.
Al dibattito interverranno gli Enti/Associazioni che hanno patrocinato il progetto didattico “Giornate Tecniche 2011”. Il contribuito degli Enti istituzionali e degli Ordini professionali, nonché delle Associazioni di volontariato patrocinanti l’iniziativa, ricoprono un ruolo d’importanza fondamentale. La presenza e l’apporto delle singole conoscenze ed esperienze che ciascuno degli “Organi Patrocinanti” possiede, – conclude il comunicato – diventano ricchezza da condividere e mettere in rete.

—————————————————————————————————————-

pregherei qualcuno di darmi maggiori informazioni su questa stranezza di comunicato dove manca qualsiasi riferimento ripsetto a chi organizza un evento…roba da pazzi!!!…pubblicano cose del genere su basilicatasoviet e poi a noi non pubblicano praticamente nulla

Pubblicato in Blog

e la montagna partorì un sorcetto…

Piano dimensionamento scolastico, le principali modifiche

 03/02/2011 10:08       Istituiti il liceo linguistico e il liceo classico presso lo scientifico di Melfi e diversi indirizzi in alcuni istituti superiori della regione. Diverse le deroghe e le aggregazioni

ACRAggregazioni territoriali, istituzioni di nuovi indirizzi e deroghe, le scelte che hanno ridisegnato il sistema scolastico in Basilicata. Rispetto alla proposta della Giunta regionale il testo, dapprima emendato in IV Commissione, ha registrato ulteriori modifiche in Aula.
Per quanto concerne le aggregazioni territoriali nella provincia di Potenza delle scuole inferiori, elementari e medie si registrano le seguenti variazioni: Castelluccio Inferiore va con Castelluccio Superiore, Trecchina con Nemoli, Balvano con Ruoti-Baragiano e Savoia con Vietri. Nel comune di Melfi sono state aggregate la scuola elementare e quella per l’infanzia “Cappuccini” e la scuola per l’infanzia “Marottoli”; all’istituto comprensivo “Berardi” è stata accorpata la scuola per l’infanzia “Castello Cattedrale” e quella per l’infanzia e l’elementare “Foggiano”. Infine all’Istituto comprensivo “M. Ferrara” sono state accorpate la scuola elementare “Leonessa” e la scuola per l’infanzia “Valleverde”. Per quanto riguarda le aggregazioni degli istituti di istruzione superiore il Piano prevede che l’Isis di Muro Lucano comprenderà gli istituti di Pescopagano e Picerno; l’istituto “Fortunato” di Potenza comprenderà anche gli istituti di Genzano di Lucania, di Avigliano e Sant’Arcangelo; l’Itc di Potenza comprenderà il “Falcone” e il “Racioppi” di Potenza; L’Isis “Da Vinci” comprenderà il “Leonardo da Vinci” di Potenza e l’istituto “De Lorenzo” di Avigliano; l’Isis “Miraglia” di Lauria comprenderà il Liceo di Rotonda; il “Ruggiero” di Lauria comprenderà l’istituto di Lagonegro.
Per quanto riguarda le deroghe agli istituti nella provincia di Potenza sono state concesse a Filiano, Oppido, Rivello, Rotonda e Genzano di Lucania.
E’ stata, invece, ripristinata la scuola media di Pietragalla, frazione S. Giorgio.
Quattro gli istituti omnicomprensivi, quelli di Corleto-Guardia P., Acerenza, Marsicovetere e Viggianello.
Sono stati istituiti: il Liceo linguistico e il Liceo Classico presso il Liceo scientifico di Melfi “Federico II di Svevia”; l’indirizzo socio-sanitario presso l’istituto “Giorgi” di Potenza.

Nella provincia di Matera sono state concesse deroghe a Rotondella; è stato costituito un centro d’istruzione per adulti (Cpa) abbinato alla scuola media “Loperfido” di Matera; l’istituto “Olivetti” è stato disaggregato dall’istituto “Loperfido” di Matera. Sono stati istituiti: il liceo musicale coreutica presso l’istituto superiore “Stigliani” di Matera; l’indirizzo turismo presso l’istituto “Loperfido” di Matera; l’indirizzo elettronica ed elettrotecnica presso l’Isis “Pitagora” di Policoro; l’indirizzo socio-sanitario presso l’Isis “Alderisi” di Stigliano e, infine, l’indirizzo informatica e telecomunicazioni presso l’istituto “M. Capitolo” di Tursi.
Per la scuola primaria “IV circolo” di Matera è stato previsto lo sdoppiamento che verrà attuato nell’anno scolastico 2012/2013.

————————————————————————————————————–

la montagna di una lunga discussione in consiglio regionale ha dunque partorito il sorcetto di un dimensionamento scolastico gattopardesco e che in realtà, tranne qualche piccolo cambiamento che sarà solo il tempo a dire se funzionerà o meno, se avrà temperato i tagli al sistema imposti dall’alto con le esigenze di assicurare a tutti i cittadini pari diritto all’istruzione…ci pare che comunque manchi un’idea di fondo, una linea guida e che ancora una volta tutto si sia risolto nella solita democristiana prassi di giocarsi qualche voto da prendere o da non perdere 

Pubblicato in Blog

il gioco al massacro dei dittatori

Notte di sangue al Cairo Dieci morti e 800 feriti

Il vicepresidente Suleiman avvia dialogo con partiti e forza nazionali per la soluzione crisi

 

03 febbraio, 10:27

ROMA – I dimostranti anti-governativi hanno ripreso stamani il controllo di piazza Tahrir (Liberazion) nel centro del Cairo dopo una notte di violenti e prolungati scontri con i sostenitori del presidente Hosni Mubarak. Nella notte, spari esplosi contro i manifestanti, provenienti dal ponte 6 ottobre, poco distante da piazza Tahrir, hanno causato la morte di 10 persone (secondo fonti mediche).

I militari dell’Esercito hanno esploso raffiche in aria per mettere in fuga degli uomini armati che sparavano da auto che viaggiavano a forte velocità sul ponte. I soldati hanno poi sparato nuovamente colpi di avvertimento nel tentativo di sedare gli scontri, proseguiti per tutta la notte con il lancio di sassi e bottiglie molotov.

L’esercito ha eseguito stamani un numero imprecisato di arresti, ancora non e’ chiaro se siano stati fermati dei sostenitori di Mubarak o degli oppositori. Ieri, il vicepresidente Omar Suleiman, dopo la violenta giornata al Cairo, ha lanciato nuovamente un appello ai dimostranti perche’ lascino la piazza, condizione indispensabile – ha detto – per far partire la transizione politica.

Il pressing americano sul governo egiziano si e’ fatto piu’ forte, con Barack Obama e Hillary Clinton che hanno chiesto l’avvio immediato della transizione, e il senatore repubblicano John McCain che ha invitato Mubarak a dimettersi. All’alba del decimo giorno di protesta, i sostenitori degli opposti schieramenti hanno ripreso il lancio di sassi e molotov, la tensione e’ alle stelle.

SULEIMAN AVVIA DIALOGO CON PARTITI NAZIONALI - Il vicepresidente egiziano Omar Suleiman ha avviato il dialogo con “partiti e forza nazionali” egiziane per la soluzione della crisi. Lo ha annunciato la Tv di Stato.

Pubblicato in Blog

un lancio di ieri che rischiava di passare inosservato…

Raccolta differenziata: Accordo Programma Conai – Regione

02/02/2011 16:24

Mancusi: “L’intesa rappresenta un passo fondamentale verso lo sviluppo di un sistema regionale unitario sulla gestione dei rifiuti urbani che pone con decisione al centro del sistema la raccolta differenziata” AGR  L’Accordo di Programma Quadro inteso come supporto e parte integrante al Piano di Gestione dei rifiuti urbani della Regione Basilicata è stato sottoscritto dall’assessore al Dipartimento Ambiente, Territorio, Politiche della Sostenibilità della Regione Basilicata, Agatino Mancusi, con il Conai (Consorzio nazionale imballaggi). “L’importante intesa – commenta il vicepresidente della Giunta regionale – punta a promuovere sul territorio regionale la raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio provenienti sia da superficie pubblica che da superficie privata finalizzata all’avvio del riciclo ed al recupero delle frazioni merceologiche”.

Le attività specifiche previste dall’accordo puntano essenzialmente a incrementare i livelli di raccolta differenziata dei rifiuti di imballaggio provenienti da superficie pubblica e di quelli assimilati prodotti dalla piccola e media industria e dalla distribuzione e a supportare tecnicamente la Regione Basilicata nella realizzazione e nello sviluppo di progetti di raccolta differenziata con obiettivi minimi pari agli standard indicati nella normativa vigente.

“Il supporto del Conai, inoltre – sottolinea l’assessore Mancusi – darà supporto tecnico nell’individuazione delle più adeguate modalità di raccolta in relazione alle caratteristiche specifiche delle diverse realtà territoriali lucane al fine di soddisfare, oltre ai risultati quantitativi, i requisiti qualitativi per i materiali stabiliti dall’Accordo Quadro Anci/Conai vigente.
La Regione – continua l’assessore all’Ambiente – si farà inoltre promotrice, grazie al supporto del Conai fissato dall’accordo sottoscritto, di analisi e studi per l’attuazione di sistemi di recupero di materia, anche in forma diversa dal riciclo diretto, nel territorio regionale al fine di promuovere il mercato dei materiali recuperati dai rifiuti e i prodotti riciclati.
L’Accordo – conclude Mancusi – rappresenta un passo fondamentale verso lo sviluppo di un sistema regionale unitario sulla gestione dei rifiuti urbani che pone con decisione al centro del sistema la raccolta differenziata puntando ad un uso sempre più marginale della discarica e riuscire ad avere una tariffa unica regionale”.—————————————————————————————————————-questa burla di assessore all’ambiente (non a caso un udc, partito che in questa regione fornisce casa ad una serie di personaggi a cui non concederei neppure la pulizia delle scale di casa, citiamo a titolo di esempio l’esimio presidente del consiglio provinciale di potenza, palmiro sacco, una vera “mente”…ah, ma qualcosina su questo personaggio e sulle sue attività a tramutola la dirò a breve!!!…e saranno risate grasse) fa gli accordi, incurante del nostro piano rifiuti inviatogli e che di sicuro neppure avrà letto, ma non solo non spiega a nessuno come funzionerà la cosa, ma neppure dice quanto costerà e quali sono i suoi obiettivi di RD e di recupero e riciclo dei materiali, fermo restando che questo accordo riguarda solo una frazione dei rifiuti totali…continuiamo a buttar via soldi in operazioni inutili e di facciata, quelle che ci fanno gongolare di percentuali mentre le discariche continuano a ricevere rifiuti, anche quelli già differenziati…ma di sicuro conoscendo le idee del partito di costui, di sacco, cuffaro e casini sui termovalorizzatori (assolutamente favorevole, come del resto all’energia nucleare), le sorprese non mancheranno ed a breve…lucani avvisati!!! 

Pubblicato in Blog

una nota..

- il primo risultato del lavoro di comunità lucana lo avevamo già visto con la pubblicazione della seduta del consiglio comunale a tramutola del 19 gennaio, prassi abbandonata da tempo e da noi più volte sollecitata;
- secondo risultato proposta in consiglio di destinare il centro storico ad un’economia popolare,strana coincidenza,noi avevamo parlato di albergo diffuso nell’incontro del 15 di gennaio;
- terzo risultato e sono senza parole, aggiornamento del sito comunale con aggiunta di un albo pretorio on-line;
- quarto risultato, udite udite , una serie di delibere approvate che riguardano tutti i settori dalle concessioni edilizie ai buoni sport a favore dei cittadini..

aria di elezioni o semplicemente stiamo dando una scossa a chi sonnecchia??

marica la salvia coordinatrice cittadina di comunità lucana – movimento no oil

Pubblicato in Blog

una guerra civile ad arte

Morti e feriti in piazza. Fiamme al museo egizio

 

Scontri al Cairo tra gruppi pro e contro Mubarak, Usa condannano violenza contro manifestanti

 03 febbraio, 00:20

di Danila Clegg

 IL CAIRO – La notte cala sulla piazza e i manifestanti sono sempre li’, inneggiano alla caduta del regime, non mollano. Anche dopo un giornata di violenze nella quale migliaia di sostenitori del rais Hosni Mubarak hanno affrontato i manifestanti anti-regime provocando tre morti, fra cui una recluta dell’esercito, e il ferimento di oltre 1.500 persone. Anche dopo l’ennesimo invito a lasciare piazza Tahrir, lanciato dal vicepresidente Omar Suleiman, condizione indispensabile – ha detto – per far partire la transizione politica. Lontanissima l’atmosfera e le scene festose della piazza e del centro del Cairo quando, solo ieri, sono stati ‘invasi’ da due milioni di manifestanti. Sassaiole, seguite da un fitto lancio di bottiglie molotov, alcune piovute anche nel cortile del museo egizio, la cui delicata antichita’ non e’ fatta per resistere alla guerriglia urbana. I manifestanti pro Mubarak, che dalla mattina si sono portati attorno alla piazza, hanno anche tentato di caricare i manifestanti contro il rais con cavalli e perfino cammelli. L’esercito non si e’ schierato. In mattinata aveva fatto diffondere un messaggio sulle televisione di stato nel quale chiedeva ai manifestanti di ritornare alle proprie case e alla vita di tutti i giorni, perche’ le loro richieste erano state comprese e rimaneva il rischio per la sicurezza della citta’. Ma i manifestanti, in piazza da sabato scorso, non hanno ascoltato l’invito e sono rimasti mentre le opposizioni si riunivano per fare il punto dopo il discorso di Hosni Mubarak e l’intervento, due ore dopo, del presidente Usa Barack Obama. In serata il vicepresidente Suleiman ha avvertito che il ”dialogo con le forze politiche dipende dalla fine delle proteste”. Anche se il presidente egiziano ha detto che non si ripresenta’ alle prossime elezioni e che avviera’ la riforma costituzionale per mettere in gioco anche altri candidati, le opposizioni hanno ritenuto l’annuncio insufficiente per sedersi al tavolo del confronto ed hanno annunciato che l’intifada prosegue. Sempre in mattinata, prima che nella piazza si vedessero scene da guerra civile, erano venuti segnali di un timido ritorno alla normalita’ con la ripresa, anche, dei collegamenti a internet. Il coprifuoco e’ stato ridotto di due ore ed e’ stata annunciata la riapertura delle banche a partire da domenica, consentendo alle gente di ritirare stipendi e contanti dopo giorni di casse chiuse. Segnali anche dalla politica quando il presidente dell’assemblea del popolo, Mohamed Fathi Sorour, ha annunciato che le sedute parlamentari sono sospese fino a quando non saranno valutati i ricorsi per irregolarita’ nelle ultime elezioni legislative a novembre. Ma che l’aria nella piazza cominciasse a cambiare lo si e’ capito non appena si sono presentati i manifestanti pro Mubarak, arrivando a confrontarsi fisicamente con gli anti rais prima in risse sporadiche e poi in veri e propri tumulti. Fra i manifestanti della piazza girava gia’ da questa mattina la voce insistente che dietro i manifestanti per il rais ci fossero agenti in borghese e supporter ”prezzolati”, che stavano provocando la piazza per creare scontri. Circostanza smentita dal ministero dell’Interno, ma che introduce un nuovo elemento di preoccupazione insieme alle intimidazioni anche fisiche contro i giornalisti stranieri. La casa Bianca ha chiesto la fine immediata di ”ogni violenza istigata dal governo”, ed ha reso piu’ urgente la richiesta di avviare la transizione immediata, definendola, dopo le violenze di oggi, ”imperativa”. Ma in giornata era gia’ arrivato uno stop dal ministero degli Esteri egiziano, secondo il quale questi richiami dall’esterno servono solo ”ad infiammare la situazione interna”

Pubblicato in Blog