BUON 2013

un anno si sta per spegnere e tra poche ore lasciare il posto ad un altro, e come ogni anno che termina per accogliere il seguente, i buoni propositi abbondano e vivono per qualche ora almeno nei nostri pensieri (qualcuno diceva che sono il lastricato delle strade dell’inferno)…forse anche nelle nostre azioni, ma all’indomani cosa ne resta?…

noi vorremmo che invece che i buoni propositi divenissero realtà per la nostra terra, e da tempo ci impegnamo perchè lo diventino, nella “follia” di credere ancora che un solo uomo che cambia sta già cambiando l’intera umanità, e così che un solo lucano che cambia sta già cambiando la lucania tutta…

e così noi vogliamo cambiare questa regione a partire da ciascuno di voi che in qualche modo si senta cambiato da questo piccolo – eppure così grande – blog che da tanti anni porta la voce dell’intelletto libero ad una regione che ha bisogno di liberarsi da troppi lacci e catene, in un grande progetto che ci dia una dignità sociale ed economica fino ad oggi negata dai fatti

ed è questo l’augurio ed il proposito per il 2013 che tra poche ora accoglieremo e che porgiamo ai nostri lettori e lettrici e così ai nostri futuri elettori ed elettrici, liberarsi da lacci e catene!!!…

così a nome di tutti noi, a tutti voi

buon 2013 da COMUNITA’ LUCANA

miko somma

p.s. una preghiera, non usate botti pericolosi questa notte…per voi, per la vostra famiglia, per i vostri animali!!!…grazie!!!

 

 

Pubblicato in Blog

considerazioni di fine 2012

ed allora siamo giunti alla fine dell’anno 2012, un anno che molti hanno definito horribilis, magari accampando cabalistiche previsioni sulla funesta entità degli anni bisestili (e che dire delle famose profezie?), ma un anno che a buona ragione può invece essere definito “quasi normale” in quel quadro di relazioni economiche distorte che hanno creato la crisi e che rischiano ora di avvilupparsi su se stesse nel paradosso di conti pubblici che “devono” migliorare, ma di economie reali che nel frattempo, peggiorando non riescono più a sostenere l’afflusso di tassazione che consente ad uno stato di funzionare…un evento che rischia così di diventare ciclico e travolgere tutto, democrazia compresa, in un paese come il nostro che si è riscoperto ad un tratto agitato da populismi del tutto fuori luogo, vista la situazione…populismi di sinistra, di destra, ma anche di centro e populismi tout court…

populismi che non sono solo le “cantate liturgiche” di un guitto che crede così di tenere a bada persone assolutamente a digiuno di nozioni elementari di economia e diritto (ma così ricche di quella rabbia speciale che fa massa da stadio nel quale si annulla l’individuo in favore del rito collettivo, del branco) per accumulare consenso da utilizzare per  fini ancora da palesarsi con evidenza ed onesta dei propositi (e sto parlando di grillo-casaleggio)…

populismi che sono  anche le stravaganze di un vecchio sporcaccione che crede di essere sempre nella sua stagione migliore e di poter agitare ancora una bacchetta magica che ha stregato gli italiani più ingenui ed alcuni dei più furbi (ed avete ben compreso chi sia il vecchio sporcaccione), di fatto causando in buona parte la stagione che stiamo vivendo dopo un decennio di nani e ballerine ed economia creativa e, non contento dei tantissimi danni fatti al paese, di avere cortocircuitato una crisi di governo che ci porta ora ad un inedito voto a febbraio, nell’impossibilità concreta di una campagna elettorale al gelo invernale…stante che poi finirà a trattare per qualche salvacondotto o leggina ad hoc forte del consenso che comunque riuscirà a comprare…

e che dire dei fuoriusciti da quel postribolo innominabile dove hanno convissuto e che ora agitano verginità perse da tempo nella ricerca della parolina magica che gli ridia uno spazio che la storia e gli italiani per onestà dovrebbero negargli?…

e non ultimo, ma di un segno diverso la recente apparizione di un giudice e del suo movimento civico fatto si di tante persone per bene, oneste e dall’alta carica civica e per le quali nutro rispetto, ma fatto anche di personaggi “trombati” dalla recente storia politica del paese (e non certo solo dal famigerato porcellum con il quale andremo ancora a votare) e che vedono in questa ultima diligenza il viatico per nuove stagioni di una rappresentanza di fatto diventata inutile non per la sua essenza ideale (e ci mancherebbe!), ma proprio per coloro chi finora molto indegnamente l’hanno rappresentata…gente che farebbe meglio probabilmente a trovarsi un lavoro serio!!!…ma come pensano di convivere antinomie simili se non in un elettoralismo spinto che definirei “tutto, basta avere una poltrona”?…

e mario monti, poi, ed il suo centro di centro che guida un quasi golpe dopo l’altro golpe, quello del presidente che a novembre 2011 gli affida un incarico di salvezza del paese dal baratro del default del debito e dalle risate con cui ormai si considera il paese nel contesto internazionale, mandato poi ampiamente travalicato…dal mettere ordine nei conti pubblici e frenare il disastro alla furia di voler cambiare ad ogni costo sociale un paese secondo le frasi fatte dei salotti buoni che nel frattempo avevano scaricato il vecchio sporcaccione?…

un quasi golpe poichè se si comprende cosa sia accaduto prima in quel novembre ed ora in questa fine convulsa di legislatura, se ci si sforza di comprendere (e di questi tempi pare diventato difficile azionare i neuroni), tutto appare chiaro…

provo a spiegare in poche parole…

dopo l’incarico affidato a monti ed al suo governo “tecnico” (in realtà molto politico), a metà maggio 2013 napolitano sarebbe cessato dalla carica di presidente, di fatto creandosi un inconveniente nelle prassi di nomina del nuovo presidente del consiglio..

è infatti il presidente della repubblica che conferisce l’incarico al presidente del consiglio, ma le elezioni erano previste a fine aprile, di fatto così creandosi la strana situazione di un presidente in scadenza che avrebbe dovuto nominare un presidente del consiglio, mentre contemporaneamente le camere avrebbero dovuto votare per la nomina del nuovo presidente della repubblica…

si opta allora per la coincidenza tra queste e le elezioni anticipate in lombardia e lazio, data marzo, in un lasso di tempo guadagnato che quindi avrebbe potuto consentire le nomine senza troppi cortocircuiti istituzionali, un breve anticipo che avrebbe concesso al presidente napolitano voce autorevole per un incarico che molti intuivano essere proprio a mario monti, se nessuno avesse conquistato una maggioranza stabile che è proprio questa legge elettorale a non consentire nel caso specifico…legge che nell’auto-collasso improvviso del governo alle parole di alfano (avrebbe potuto proseguire poichè sfiducia non era stata votata) alla fine non si è modificata…

ma qualcuno forse gioca davvero sporco e monti comincia a far circolare, complice l’opportunismo di casini e fini, l’ipotesi di una sua “candidatura ” a premier che sovverte, pur nel suo diritto ad esercitarla, il quadro delle relazioni esistenti…

a monti, napolitano aveva dato un incarico preciso…traghettare l’ultimo anno e mezzo di legislatura, stop…inutilmente, e con colpevole ritardo, napolitano tenta ora di ricordare a monti che lui darà l’incarico a chi avrà la maggioranza relativa, ma monti va avanti, consapevole che, a prescindere dai suoi voti reali con il suo schieramento di centro, se il quadro di possibile ingovernabilità della maggioranza dovesse confermarsi al senato, la possibilità che, nonostante la contrarietà di napolitano, qualche grave perturbazione dei mercati possa teleguidare un suo reincarico è molto forte…

chiamatelo quindi un quasi golpe finanziario, ma questo è il rischio che corre il paese…

e questo rischio è palese e leggibile proprio nella cosiddetta agenda monti, una riedizione in chiave moderna del vecchio piano di rinascita democratica, tolto ogni riferimento ad incappucciati muratori…un “papello” di liberismo spiccio che sintetizzo in più privato e meno pubblico, in un orgasmo sfrenato di sanità e scuola privatizzata, di aziendalismo permissivo, di clericalismo affaristico, immobiliarismo e finanza, tanta finanza nella previdenza…

e centralismo spinto nelle scelte energetiche ed infrastrutturali, quelle dove, guarda caso, maggiore è l’opposizione dei territori, molto e sempre frettolosamente definita nimby, e maggiore la potestà regionale ex riforma del titolo V della costituzione che il governoormai passato ha tentato di annullare, senza però riuscirvi per mancanza di tempo e legittimità politica…

legittimità politica che ora, a prescindere dai numeri che verranno, potrebbe concretizzarsi all’improvviso e, per le considerazioni fatte sopra, riportare monti e le sue idee al centro delle decisioni, questa volta politiche, in un’aria di governo di unità nazionale che non durerebbe più un anno, ma si allungherebbe alla fine del mandato in un clima di antipolitica che pare suggerire alla gente che sia meglio rinunciare alla politica, visti i suoi costi e vista la sua inefficienza e corruzione…

e grillo in questo ci mette del suo, facendo balenare strani pensieri, vista la “strana” disposizione del suo “socio” casaleggio che pare abbia fin troppe relazioni con il mondo della finanza…saranno chiacchiere – non so – ma è plausibile…e speriamo che non agiti brogli se i numeri non gli daranno ragione…

questo il rischio che corre il paese…un centralismo di necessità (finanziaria) che vive nella necessità e come tale deve essere sentito dagli italiani del tutto sfiduciati dalla politica in ogni sua forma, fino a trasformare la democrazia stessa in un contenitore quasi inutile, troppo costoso ed a cui si può rinunciare per altre forme di organizzazione sociale ed economica, come quel tutto on-line sui cui tra finanza e grillo pare leggere una convergenza di idee…ed allora?

ed allora ecco che necessita il progetto di quale paese costruire per evitare avventure tristi in un mondo in cui al cittadino rimarrà solo la sua capacità di consumo per essere soggetto di diritti e la sua capacità di pagare tasse per esprimere un consenso…esagerò?…forse, ma la storia è fatta di rischi che non sempre si rivelano per ciò che paleseranno ed è a questo rischio che dovrebbe far riferimento un partito come il pd che, a torto od a ragione e nelle sue colpe di aver indugiato troppo in quelle idee liberiste, deve scegliere se essere l’alternativa di sistema, quindi aprendosi ad una idea nuova dei rapporti sociali ed economici o una parte del sistema, magari migliore, magari meno crudele, ma pur parte del sistema…

ma non voglio tediarvi oltre, ritorneremo sull’argomento…nel frattempo COMUNITA’ LUCANA ci sarà al senato nel collegio di basilicata e, piccola piccola, come appare, qualcosa la dirà su quel sistema che occorre superare, mettendo come al solito le idee ed i progetti al centro della campagna elettorale…a partire dalla nostra terra che merita di più, molto di piu!!!

miko somma   

 

Pubblicato in Blog

31/12/2012

bene, bene…chiaro che si dovrà tenere a mente chi ci ha dato una mano e chi si è rifiutato…e la lista sarà definitiva questa volta!!!

miko somma

Pubblicato in Blog

30/12/2012

la considerazione triste è che uno ad uno stanno andandosene gli ultimi eroi e  mattatori del ’900 per lasciare il posto alle marionette del 2000 e chissà forse agli automi dei giorni prossimi a venire

miko somma

Pubblicato in Blog

mai arrendersi alla mediocrità…addio a rita levi montalcini!!!

E’ morta Levi Montalcini. Premio Nobel, aveva 103 anni

Si è spenta nella sua casa di Roma

30 dicembre, 15:27

ansa – E’ morta la senatrice a vita Rita Levi Montalcini. Il premio Nobel per la medicina, morta nella sua abitazione a Roma, aveva 103 anni. La notizia del decesso è stata verificata anche dalla Questura di Roma.

…ad una età simile non può esserci dolore per la scomparsa, ma un senso di una profonda perdita civile per una persona degna del più ampio rispetto…e voglio ricordarla con due sue frasi “illuminanti”… 

nella vita non bisogna mai rassegnarsi, arrendersi alla mediocrità,
bensì uscire… da quella “zona grigia” in cui tutto è abitudine e rassegnazione passiva.

rare sono le persone che usano la mente…poche coloro che usano il cuore…
e uniche coloro che usano entrambi.

(rita levi-montalcini)

ciao rita!!!

miko somma

Pubblicato in Blog

30/12/2012

insomma con la candidatura di COMUNITA’ LUCANA al senato si aprirebbe la prospettiva storica e forse irripetibile di portare in parlamento un progetto politico G-LOCALE di ampio respiro ed indipendente per questa terra e dargli voce lì dove si creano gli strumenti legislativi, di portare in parlamento persone ed esperienze fuori da ogni dubbio di onestà e competenza, di portare in parlamento chi si è SEMPRE opposto (e con un certo successo, sia nella società, sia negli ambiti politici) a petrolio, inceneritori, inquinamento, gestione dissennata dei fondi pubblici, tutt’appostismo, mafie e zone grigie, di portare in parlamento la voce di un progetto che parlando di LUCANIA parla di ITALIA…e stiamo ancora a parlare di rosso e nero, di stelle, di arance e mandarini?…ma va’, va’!!!

miko somma

Pubblicato in Blog

29/12/2012

sono anni che “dopo” mi danno tutti ragione…beh, sarebbe interessante che mi dessero ascolto prima…si sta continuando a dislocare altrove un problema non più eludibile, quello di cosa conti questa terra nelle dinamiche nazionali (1% della popolazione)…voi continuate pure ad agitare bandiere di appartenenze, mentre la nostra terra viene risucchiata nel baratro di una colonizzazione che non si ferma o fermerà per il vostro bianco, il rosso, l’arancione, il nero o il colore indefinito delle clientele di basso rango con cui appisolano una regione intera

miko somma

Pubblicato in Blog

i banchetti di domenica 30/12

banchetti di raccolta firme di sottoscrizione alla lista di COMUNITA’ LUCANA al senato domani 30 dicembre a potenza:
1) via tirreno (ad.ze farmacia) ore 11 – 13
2) via degli oleandri (ad.ze chiesa) ore 16,30 – 20
 
Pubblicato in Blog

19/12/2012

la pagina politica di oggi in sintesi estrema…berluskoni rimane da solo, alfano occhieggia al centro, la lega ridiventa un movimento locale nella corsa alla presidenza lombarda, ingroia si auto-candida senza dimettersi dalla magistratura ed entra in polemica con grasso, grillo dice no alle sue lusinghe, passera si ritira dalla monti-koalition, ma rimane in agguato…insomma, una giornata di ordinaria follia mentre i treni son pronti ai nuovi perfetti orari

miko somma

Pubblicato in Blog

magistrati che dovrebbero stare al loro posto…

personalmente avevo grande stima di ingroia e della sua battaglia civile, ma tutto questo ondeggiare questuante prima tra pd ed ora 5 stelle mi ha fatto del tutto cambiare idea…rimanga al suo posto a fare il magistrato piuttosto che prestarsi al ritorno (improbabile) di quattro derelitti, trombati ed incapaci di ripensarsi altrove che in un seggio parlamentare (e per essere chiari parlo di di pietro, diliberto, ferrero e forse bonelli…esisterebbe anche il normale lavoro!!!)…e quel suo nome sul simbolo del nuovo movimento è poi del tutto censurabile!!!…avendo il mio voto libero alla camera, mi guarderò dal darlo a loro…le esperienze vissute con i succedanei locali di questa gente sono state detestabili…l’idv è in giunta regionale, rifondazione, verdi e comunisti italiani ne sono sempre stati dei succedanei in veste di piccoli comandanti di truppe cammellate

miko somma

Pubblicato in Blog

altri record

le logiche numeriche con cui i lettori seguono il nostro blog mi sono ovviamente oscure, quindi il numero di contatti quotidiani che le statistiche registrano…per ieri registriamo 23319 contatti, dopo gli oltre 22.000 di 5 giorni fa e la cosa non può che farci piacere…grazie ancora a tutti i nostri lettori!!!

miko somma

p.s. e vi ricordo di venire a firmare le nostre liste oggi a potenza nella nostra sede di via portasalza 16

Pubblicato in Blog

domani raccolta firme nella nostra sede di potenza

allora, oggi due banchetti in condizioni polari, ma siamo sopravvissuti (noi di COMUNITA’ LUCANA siano tostarelli, direi un tantino stakanovisti e soprattutto con quella speciale passione che riscalda e non ti fa sentire freddo – figurarsi la stanchezza!!!)…

voglio ringraziare in modo particolare luigia e giuseppe per il banchetto a senise, dove abbiamo avuto un’accoglienza fantastica ed una collaborazione democratica davvero partecipata da parte di tanti cittadini convinti che un’altra regione sia possibile, cittadini di senise che ringraziamo di cuore…

domani 29 dicembre (quindi oggi) banchetto a potenza, ma all’interno della nostra sede (il tempo è davvero inclemente) che ricordo essere in via portasalza 16 (di fronte il tabacchi) dalle ore 10.30 alle ore 13,30 e nel pomeriggio dalle ore 16 alle ore 20.30

vi attendiamo numerosi

Pubblicato in Blog

28/12/2012

villa d’agri stamane…ora con il sole in faccia verso senise…COMUNITA’ LUCANA si porta nella regione più profonda…domani e dopodomani nuovi banchetti a potenza
Pubblicato in Blog

i banchetti del 28 dicembre

28 dicembre 2012

banchetti di raccolta firme di sottoscrizione per la lista COMUNITA’ LUCANA al senato

  1. dalle ore 10,30 alle ore 13,30 villa d’agri (pz) p.zza zecchetin
  2. dalle ore 16,30 alle ore 20,00 senise (pz) luogo del banchetto comunicato in serata

vi attendiamo muniti di un valido documento di identità per sostenerci in questa opera di cambiamento radicale della politica lucana che per noi non inizia da oggi

vi ricordo che la firma di sottoscrizione non ha carattere di impegno di voto, ma rappresenta la sola possibiltà di accesso alla partecipazione alle elezioni per chi non ha rappresentanti in parlamento

 

Pubblicato in Blog

primo banchetto della giornata andato…vai con gli altri, allora…precisamente a…

  • VIALE DANTE – piazza don colucci, adiacente chiesa s.anna (ore 16 – 20)
  • P.ZZA DON BOSCO (ore 16 – 20)

però qualcuno in qualche paese dove si stanno organizzando banchetti vuole frapporre ostacoli a COMUNITA’ LUCANA nel raggiungimento del numero di firme necessarie alla presentazione delle liste al senato per la regione basilicata, accampando scuse in un caso che i “consiglieri sono contro il no oil” (e che c’entra verrebbe da dire?), nell’altro che nel pomeriggio i consiglieri non sono disponibili ed un delegato comunale non si può mandare poichè il comune non ha soldi…in entrambi i casi, risposte date dai sindaci…

ora prima di cominciare a far nomi e cognomi e prima di ricorrere al prefetto di potenza, chiedo che cessino immediatamente tali tentativi e si ritorni ad un clima sereno e collaborativo che consenta a chiunque di poter partecipare alla competizione elettorale, come ai principi democratici del nostro paese…

miko somma

Pubblicato in Blog