io voterei ΣΥ.ΡΙΖ.Α….

17/01/2015

senza ombra di dubbio, io voterei ΣΥ.ΡΙΖ.Α. (syriza)…

in grecia, eh?…perché a differenza di quanto accade in italia, lì tsipras ha messo in piedi un vero progetto popolare di sinistra, qui si perde tempo…

miko somma

Pubblicato in Blog

cofferati lascia il pd…forse a farlo prima…

ansa – Sergio Cofferati lascia il Pd e attacca il partito: “Inaccettabile il suo silenzio’.  ”Di fronte a fatti di questo genere io non posso più restare”, ha detto l’ex segretario della Cgil, nel corso di una conferenza stampa a Genova, annunciando così la sua uscita dal Partito democratico, dopo quanto avvenuto nelle primarie liguri. ”Il voto è stato inquinato come ha dimostrato il collegio dei garanti ma quel che è più grave è che il centrodestra è intervenuto nelle primarie del centrosinistra per proporre un modello politico e il mio partito non è intervenuto per fermare questo”.

—————————————————————-

sono d’accordo con la decisione di cofferati, questo partito sta diventando una camera a gas, ma forse occorreva uscire prima per evitare le derive renziane che, innegabilmente passano anche attraverso questo modo di intendere la politica (e da noi qualcuno dovrebbe pensare a quanta destra è intervenuta nelle primarie del csx per le scorse regionali)…vogliamo dirlo chiaro e tondo che c’è una chiara etero-direzione ad ogni tornata delle primarie?…e che queste vanno o eliminate del tutto o ristrette ai soli iscritti, persino quando si tratta di primarie di coalizione, quindi iscritti dei partiti della coalizione?…qui pezzo per pezzo il reuccio di pontassieve si sta pappando il paese e la digestione si sa, anche quando difficile, conduce sempre in un punto preciso per quanto è stato ingerito… 

Pubblicato in Blog

elezioni subito!!!…

17/01/2015

se non si fa l’accordo sulla giunta di larghe intese il 15 mi dimetto, dichiara il sindaco di potenza de luca qualche giorno fa…siamo al 17 e la giunta non c’è…forse le intese erano troppo larghe per entrare nell’ufficio del sindaco…

elezioni subito!!!

miko somma

Pubblicato in Blog

ci sono progetti…

17/01/2015

a volte proprio non capisco coloro che, in perfetta buona fede, attendono che qualche tv o grande giornale “apra” la questione lucana, quasi che un aiuto lo si cerchi da una entità astrattamente superiore che, leggendo una pagina e guardando un programma venga a “soccorrerci”, quasi che un aiuto lo si cerchi dal resto di un mondo a cui forse poco importa della nostra terra, perché i rapporti tra territorio e sfruttamento sono sempre quelli tra sfruttati e sfruttatori e sono pressoché uguali ovunque…

svegliamoci qui, adesso, senza necessità di ingenui brigantismi, visceralismi o deviazioni di senso comune che diluiscono le vere questioni in contenitori senza contenuto…

ci sono progetti nuovi che vanno riconosciuti e che recitano di una nostra “differenza” che occorre coltivare e per cui occorre lavorare…

miko somma

Pubblicato in Blog

inattivi…

ansa – In Italia ci sono oltre 3,6 milioni di persone che sarebbero disponibili a lavorare ma non cercano impiego: il 14,2% della forza lavoro, oltre tre volte la media Ue-28 (4,1%). Lo rileva l’Eurostat in uno studio sul terzo trimestre 2014 secondo il quale questa percentuale è salita su base tendenziale in Ue di 0,2 punti e in Italia di 1,1 punti.

Nel terzo trimestre 2014 inoltre se si sommano ai tre milioni di disoccupati (oltre 3,4 milioni il dato mensile di novembre) i 3,6 milioni di persone che non cercano impiego ma sarebbero disponibili a lavorare, si superano i 6,6 milioni di persone, il 7,8% in più dello stesso periodo del 2013. Il dato sulle persone che ‘non cercano ma sono disponibili’ (tra i quali gli scoraggiati) è il 14,2% oltre tre volte la media Ue (4,1%). La situazione rischia di aggravarsi nell’ultimo trimestre dato che secondo l’Istat i disoccupati erano oltre 3,4 milioni sia a ottobre che a novembre (il dato sugli inattivi disponibili a lavorare invece è solo trimestrale). In Italia non solo la disoccupazione è più alta in media rispetto all’Europa (a novembre al 13,4% contro l’11,5% dell’Eurozona e il 10% dell’Ue a 28) con un aumento di quasi un punto rispetto all’anno precedente ma è enorme il divario sulle ”forze lavoro potenziali” con oltre 3,6 milioni di persone nel terzo trimestre 2014 che non cercano impiego ma sono pronte a lavorare (il 14,2% del totale a fronte del 4,1% di media in Ue). Si tratta di persone considerate inattive (non hanno fatto ricerche di lavoro nelle quattro settimane precedenti la rilevazione) anche a causa della sfiducia nella possibilità di poter trovare occupazione ma disponibili a un eventuale impiego. In Europa la percentuale di queste persone è aumentata di 0,2 punti percentuali mentre in Italia è cresciuta di 1,1 punti. In Germania la percentuale complessiva di coloro che non cercano lavoro ma sono disponibili è ferma all’1,2% ma anche in Grecia con la disoccupazione oltre il 25% quest’area è stabile all’1,9%. L’Italia su questo dato è spaccata in due con percentuali al Nord del 6,5% (vicine alla media europea) e il Sud che sprofonda con il 30,7% (su 100 forze lavoro tra i 15 e i 74 anni) che non cerca impiego pur essendo disponibile a lavorare (quasi il 48% tra le donne).

Pubblicato in Blog