il “piantino” isterico di renzi…

19/01/2015

(ANSA) – ROMA, 19 GEN – “Caro Gotor, le tue parole di oggi contro di me sono ingiuste e ingenerose. Non si può usare un gruppo minoritario come un partito nel partito”. Così Matteo Renzi, a quanto si apprende, si rivolge al senatore bersaniano che guida la protesta contro l’Italicum. “Sia chiaro: io cerco accordi con tutti fino all’ultimo ma non sono sotto ricatto di nessuno”, ha aggiunto il premier.
—————————————————-
…tranne che di gestori di autostrade, privatizzatori di acque pubbliche, petrolieri, costruttori di abusi, finanzieri, inceneristi e qualche altra decina di categorie…

miko somma

Pubblicato in Blog

argentina…

ansa- E’ stato trovato morto, ucciso da un colpo di pistola alla testa, il procuratore argentino Alberto Nisman che oggi avrebbe dovuto presentare in Parlamento i documenti con cui accusava la presidente Cristina Kirchner di aver negoziato in segreto l’impunità per gli iraniani imputati per l’attentato contro l’associazione ebraica Amia nel ’94. Lo scrive il Clarin. Il cadavere è stato trovato nel bagno della sua casa a Puerto Madero. 

Deputata opposizione, si sentiva “minacciato”
La responsabile dell’inchiesta sulla morte del procuratore Alberto Nisman, Viviana Fein, ha confermato alla stampa che vicino al corpo è stata ritrovata un’arma, ma ha aggiunto che “non si può ancora stabilire se è stato o no un suicidio”, perché “adesso dobbiamo stabilire i dettagli della causa della sua morte”. Una deputata dell’opposizione, Patricia Bullrich, ha raccontato ai cronisti si aver parlato al telefono due volte sabato scorso con Nisman, che gli ha detto che si sentiva “molto minacciato”.

Il ministero della Sicurezza ha diffuso un comunicato per chiarire le circostanze in cui è stato ritrovato il corpo: durante la giornata di domenica gli agenti della scorta di Nisman si sono messi in contatto con sua madre, perché non rispondeva né al telefono né al campanello del suo appartamento nella Torre Le Parc, un palazzo residenziale dell’esclusiva zona di Puerto Madero, nel centro di Buenos Aires. Con l’aiuto di un fabbro i poliziotti della scorta sono riusciti ad entrare nell’appartamento, insieme alla madre del procuratore, ed è lì che è stato scoperto il corpo senza vita di Nisman, gettato sul pavimento del bagno. 

Pubblicato in Blog

freddo…

ANSA) – POTENZA, 19 GEN – Meno 19 gradi: è la temperatura registrata alle ore 2 del 2 gennaio scorso a Piano Ruggio, una località del Parco nazionale del Pollino a 1.535 metri di quota.
    Le associazioni “Meteo Basilicata” e “Meteo web”, che hanno definito l’inizio del 2015 “particolarmente rigido, considerati anche i meno 13 gradi registrati il 31 dicembre 2014 e i meno 15 registrati il primo gennaio. Tuttavia non sono stati superati i meno 29,4 gradi registrati, sempre a Piano Ruggio, nel gennaio 2010″.

————————————————-

ed in quell’occasione però di contatori aql non se ne ruppero oltre 6000…

Pubblicato in Blog

l’intelligenza no?…

(ANSA) – MATERA, 19 GEN – I legali rappresentanti di due società e un dirigente della Regione Basilicata sono stati denunciati alla Procura della Repubblica di Matera dalla Guardia di Finanza al termine di indagini sull’”indebita percezione di un finanziamento pubblico di oltre due milioni di euro“.
    Ottenuto un finanziamento regione per un’opera, attraverso un’altra società del gruppo un imprenditore ha avuto anche quello del Ministero dello Sviluppo economico. Avviato l’iter per il recupero dei fondi statali.

——————–

salvo il doveroso accertamento giudiziario che unico può stabilire se questi signori sono dei lestofanti o semplicemente degli indagati che magari saranno del tutto prosciolti con formula pienissima, forse il nome del dirigente sarebbe utile conoscerlo, perché l’intelligenza prima che le leggi stesse dovrebbero stabilire un allontanamento fino a conclusione indagini del soggetto stesso dagli incarichi in virtù dei quali avrebbe commesso quanto gli viene contestato nella procedura di indagine…l’intelligenza, no?

Pubblicato in Blog

si è superato il limite…

credo che ormai si sia superato il limite…sia nel cerchio che in quanto indicato alla freccia, rispettivamente quindi per le larghe intese, che per l’ennesima fiammata al centro olii di viggiano…

e cosa significhi che si sia superato il limite dovrebbe apparire del tutto chiaro…

appare del tutto evidente che una simile opzione, una giunta di larghe intese, sebbene ancora non concretizzatasi per la verità (perché un accordo non significa necessariamente una giunta che appare di difficile digestione per molti) apre un lungo discorso…

1) sull’opportunità di addivenire ad una giunta di sei assessori (che tra le altre hanno anche un costo materiale che pesa su un bilancio ormai bloccato), cosa questa ai limiti della follia a considerare che in regione gli assessori sono solo quattro, per gestire una fase dove comunque i margini di gestione sul bilancio sono del tutto ridotti alla mera sopravvivenza del minimo indispensabile e sotto la continua osservazione commissariale, cosa che credo alla maggior parte della gente appare come semplice opportunismo inciucista, continuista o meno che sia rispetto alle linee di pura mediocrità fin qui sviluppate da tutte le precedenti giunte a partire da quelle fierro post terremoto, che in sintesi potrei definire come tanta polvere di piccolo e meno piccolo malgoverno della cosa pubblica declinata negli interessi privati buttata tanto a lungo sotto il tappeto del bilancio… 

2) sul senso “politico” di un accordo che anche a volerlo giudicare solo come un do ut des per la richiesta disperata del lancio di salvagente da parte di un governo che non è detto poi lo lanci (e se lo lanciasse poi sappiamo un po’ tutti quale sarebbe la richiesta che ne seguirebbe, ben sintetizzata dalla criticità sulla “materia allargata” di quanto alla freccia, quindi a maggiore “elasticità” sulla questione idrocarburi che preme molto al governo renzi) appare comunque come una non soluzione ai problemi storici della gestione della città capoluogo che invece di ben altre soluzioni che del galleggiamento fine a se stesso avrebbe bisogno…e questa giunta serve soprattutto a galleggiare…

lungo discorso che vorrei evitare per il momento, focalizzando il punto centrale del discorso invece altrove…

siamo cioè di fronte ad una soluzione che se si vuol far apparire come “necessitata” da una condizione di emergenza sul bilancio, che si è conclamata nella dichiarazione di dissesto finanziario, e non invece, come evidente, nel nodo politico dell’assurdità di un sindaco senza maggioranza

e ricorderete che a stabilire la vittoria di de luca, più che le urne ed i numeri di una maggioranza chiara dei votanti, è stato il cortocircuito intellettivo dei vertici del pd cittadino e regionale che hanno di fatto creato questa condizione assurda nei giorni precedenti il primo turno (vorrei ricordare che il sospetto che i pittelliani non abbiano votato per il candidato sindaco del centrosinistra, praticando il voto disgiunto, è ben più che un sospetto), e nei giorni tra primo turno e ballottaggio, quando l’impegno a sostenere il proprio candidato non si è concretizzato o è arrivato troppo tardi per rimetterlo in pista e non farlo divenire vittima sacrificale di dinamiche esterne alla sua stessa candidatura…e credo che petrone ben sappia di aver pagato la guerra interna al pd regionale sulle primarie per la segreteria, oltre che il malcostume…

questo è in sostanza il bacino di coltura della malattia che oggi si pretende di curare con queste larghe intese alla “putenzes”, che a buona ragione se non sono attendismo galleggiante perché il bubbone commissariamento non scoppi e riveli qualche magagna di troppo sulle gestioni allegre del passato che coinvolgerebbe più parti politiche e non solo il pd (o ciò che era prima di trasformarsi in questo), sono allora una riedizione politica di una idea fuorviante ed assurda, quella cioè che per risolvere i problemi strutturali del paese e così delle sue amministrazioni, che sono anche i nodi politici della mancanza di alternative programmatiche tra una parte politica e l’altra (leggi pensiero unico), serva stare tutti insieme al governo e non invece lealmente al governo ed all’opposizione nei numeri che il voto popolare ha determinato…e dove, a rigor di logica, se il voto ha consegnato un qualcosa che non funziona, logica vorrebbe che si ritornasse a chiedere alla gente di esprimere qualcosa di più chiaro…

qualcosa che ovviamente – ed è qui la paura di alcuni – implica che il pd e l’intero centrosinistra cittadino diventino altro e con altri programmi…cercherò di impegnarmi allora perché questo pd cittadino cambi, a cominciare dalla richiesta che l’attuale segretario cittadino, giampiero iudicello, e tutta la segreteria si dimettano subito, come già avrebbero dovuto fare all’indomani del voto, presentandosi come sconfitti dalle cose al congresso cittadino prossimo venturo (quando si saprà finalmente una data) e non come una qualsiasi “squadra vincente non si tocca” che avoca a se ogni decisione o in merito alla sua sopravvivenza in vita od alla sua successione, e che lo stesso iudicello rinunci a qualsiasi ipotesi di assessorato per minima dignità…

che venga convocata l’assemblea per ratificare o meno ogni accordo di giunta, che a questo punto diverrebbe un vero e proprio commissariamento politico della città capoluogo…sia cioè data parola agli iscritti!!!…

in quanto alla freccia – beh – che debbo dire…misureremo se la coerenza dell’assessore berlinguer, che pure aveva promesso di fare lui fuoco e fiamme alla prossima fiammata, se pure esiste quella coerenza, vada più in favore della nostra terra e delle sue liasons renziane che ben sappiamo che direzione o verso prendono…

miko somma

p.s. valuto se sia il caso di fare anche un comunicato stampa…  

 

Pubblicato in Blog

copes…

(ANSA) – POTENZA, 19 GEN – La Regione Basilicata ha erogato circa 29 milioni di euro per il programma Copes (per il contrasto alla povertà e all’esclusione sociale) dal 2011 al 2014, con una media di 20 mila beneficiari ogni anno, e una punta massima di 27 mila utenti e 11,1 milioni di euro nel 2012.
I dati sono stati resi noti oggi. Le fasce d’età maggiormente coinvolte sono quelle tra i 40 e i 60 anni (63 per cento della platea), con un diploma di scuola media inferiore (60 per cento).
—————————————————————
grazie al consigliere giannino romaniello che ha curato la conferenza stampa e la presentazione dei dati, magari però qualcosina provo a dirla io sulle storture locali della copes, ovvero come si sottraggono risorse a chi ne ha bisogno per darle a qualche furbone

Pubblicato in Blog