il futuro prevedibile…

21/09/2015

non è che io sia più avveduto di altri o che legga il futuro, ma quelle 15.000 firme consegnate a dicembre (erano in realtà 17.000, ma le rimanenti sono arrivate tardi) dovevano servire al governo e consiglio regionale da base di appoggio per una forte rivendicazione territoriale in nome di cui si diceva di NO all’art. 38 e lì saremmo stati in tempo sia di riconnettere la politica al popolo, sia di opporre fatti politici incontrovertibili al governo nazionale…

allora mi chi…edo perchè diamine allora mi si è dato ascolto solo in parte, inseguendo la chimera di quei mirabolanti risultati calcistici che alla fine sono risultati una sconfitta tennistica? e sono domande che, a firme referendarie raccolte, rivolgerò direttamente al presidente pittella ed al pd di basilicata, che giudico del tutto inadeguati a governare una regione, ed al consiglio regionale tutto che giudico incapace di comprendere il passo della storia e le conseguenze della propria gnavia…

quel referendum proposto dalla basilicata potrà avere un senso solo a comizi convocati…per ora sono chiacchiere da salotto social e trucco per tecno-cicisbei

miko somma

Pubblicato in Blog

le miss ed il sud-america…

21/09/2015

miss italia 2015 che dice che sarebbe voluta nascere nel ’42 per vivere la guerra su un divano, se è una stupidaggine gallinaccia del tutto in linea con l’orientamento “belle, ma deficienti” con cui tristemente si pretende di continuare una tradizione che, nei limiti del pollaio, ha però dato al nostro paese tante bravissime attrici che lì hanno trovato spazio per cominciare, è la prova provata dell’immiserimento culturale ed antropologico in cui versa un paese che forse crede che la guerra sia un video-game o una fiction a lieto fine…

esattamente come gli # con cui si sta raccontando ad un paese intero che “va tutto bene madama la marchesa”, mentre l’aria diventa ogni giorno di più sudamericana…

miko somma

Pubblicato in Blog

firmare per non farli passare…

21/09/2015

quando incontri un vecchio aderente (non dico altro per non identificarlo) del pci di 81 anni che ti dice che non si devono firmare i referendum perché…

1) lui ha combattuto la legge truffa del 53, ma questa, che è anche molto peggiore nel valutare il premio di maggioranza, va benissimo perché il paese necessita di uno che comanda,

2) è normale comprare i senatori per cause di forza maggiore, citando una non comprovata storicamente, compravendita di senatori da parte di abraham lincoln nella proclamazione dell’emancipazione (1863), che liberò gli schiavi negli stati dell’unione,

3) che le maggioranze debbono prevalere sulle minoranze interne, citando malamente la rivoluzione d’ottobre ed i bolscevichi, che invece nel governo kerenskij di febbraio erano netta minoranza e che nell’ottobre rovesciano il governo stesso con la rivoluzione popolare,

4) che uno che non ha ricevuto alcun mandato popolare governi il paese perché costituzionalmente è il presidente della repubblica che dà l’incarico, dimenticando che questo governo non è un normale governo, ma un governo con a capo uno che ha vinto delle primarie di un partito e che sta cambiando forma di stato al paese nel combinato tra legge elettorale e riforma costituzionale (premierato forte o se volete anche semipresidenzialismo),

- beh – dopo avergli obiettato con dovizia molto educata che sta dicendo stupidaggini storiche e politiche ed averlo salutato, lo capisci bene che è una forma di stalinismo di ritorno sempre allignante il vecchio vizio mentale che oggi porta molti ex pci a sostenere questo vero e proprio colpo di stato…

OGGI PIU’ CHE MAI CONVINTO CHE IL PAESE STA CADENDO NEL REGIME TRA TWEET E SORRISINI INDIRIZZATI AD UNA MAGGIORANZA SILENZIOSA DEL TUTTO SIMILE A QUELLA CHE CONSENTI’ A MUSSOLINI DI GOVERNARE 20 ANNI…

OCCORRE REAGIRE SUBITO…FIRMARE I REFERENDUM E’ UN ATTO DI AMORE PER LA DEMOCRAZIA ED UN CHIARO SEGNALE CHE “NO PASARAN!!!”

miko somma

Pubblicato in Blog