SINDACO GUARDIA PERTICARA SU SOSPENSIONE CONCESSIONE TOTAL
 
17/02/2009 11.17.00
[Basilicata]
                                                                                                                         
“La sospensione cautelare di un anno dell’attività TOTAL nell’ambito della concessione denominata “Gorgoglione” in Basilicata provocherà gravi ripercussioni per l’economia locale”. E’ quanto afferma il sindaco di Guardia Perticara, Massimo Caporeale, sottolineando che “gli effetti positivi per l’occupazione erano già evidenti in zona nella fase iniziale dei lavori, con più di 100 lavoratori impiegati ed effetti diretti soprattutto nel settore della ricettività e dei servizi (ristoranti, alberghi, case in affitto, supermercati, bar, etc.)”.
“Inoltre – aggiunge il sindaco – diversi imprenditori avevano avviato o stavano per avviare investimenti sul nostro territorio, confidando nelle ricadute indotte dovute all’estrazione petrolifera”.
Un vero e proprio toccasana, dunque, in un momento di crisi globale che di certo non risparmia i piccoli Comuni del Mezzogiorno. Ora, invece, la notizia della sospensione provoca apprensione e allarme nelle istituzioni e nella popolazione che sul petrolio aveva fondato speranze di occupazione. “Basti pensare – sottolinea Caporeale- che il cronoprogramma prevedeva l’incremento degli addetti alla realizzazione delle opere fino a 1.200/1.500 lavoratori nella seconda metà del 2009″.
“Nel frattempo che la giustizia faccia chiarezza – conclude il sindaco di Guardia Perticara – l’auspicio è che i contitolari della Total, cioè Shell e Exxon, proseguano nelle attività avviate in modo da non mortificare ulteriormente le nostre zone, da sempre depresse ed abbandonate al proprio triste destino. I timori, tuttavia, riguardano il dubbio che questa soluzione non sia tecnicamente percorribile in tempi brevi”.

——————————————————————————–

come volevasi dimostrare, alcuni sindaci non riescono a tenere la bocca chiusa neppure di fronte a provvedimenti motivati dell’autorità giudiziaria, addirittura suggerendo “bizzarre vie di fuga dal problema”..preferisco non commentare simili idiozie o dovrei ritornare con la mente a certi festeggiamenti per il ritorno a casa ai domiciliari di un sindaco dopo la custodia cautelare in carcere…signor sindaco, vuole rendersi conto che esistono le leggi in questo paese, e quindi in questa regione, la cui violazione è sanzionata con provvedimenti che “non debbono” e “non possono” tener di alcun conto altre considerazioni che non siano nella legge stessa?

lei ha il diritto di parlare e scrivere come, quando e dove crede, ma una buona occasione per starsene in un decoroso silenzio l’ha persa proprio con un comunicato tanto “collaterale” da meritare solo un penoso oblio

Un pensiero su “

  1. La politica di Total in materia di salute, sicurezza, ambiente e qualità si basa sui seguenti dieci principi:

    ARTICOLO 1
    Total pone al primo posto delle sue priorità la sicurezza delle attività, la salute delle persone, il rispetto dell’ambiente e la soddisfazione della clientela

    ARTICOLO 2
    Ogni progetto di sviluppo, ogni lancio di prodotto può essere avviato soltanto dopo un esame dei rischi per la sicurezza, la salute e l’ambiente che tenga conto del suo intero ciclo di vita.

    ARTICOLO 3
    Total privilegia nella scelta dei propri partner industriali e commerciali quelli che ritiene in grado di aderire alla sua politica in materia di salute, sicurezza, ambiente e qualità.

    ARTICOLO 4
    In tutti i paesi in cui è presente, il Gruppo rispetta le leggi e i regolamenti.

    ARTICOLO 5
    Per ogni attività, i sistemi interni di gestione relativi alla sicurezza, all’ambiente ed alla qualità sono valutati periodicamente tramite la misurazione dei risultati ottenuti, la definizione di obiettivi di progresso, la formulazione di piani d’azione e l’istituzione di procedure di controllo. Lo sviluppo di tali sistemi si basa sull’informazione, sul feedback, sulla concertazione e sulla formazione.
    ARTICOLO 6
    In aggiunta alla propria politica di prevenzione dei rischi, Total mette a punto mezzi e procedure di intervento destinati ad affrontare i casi d’incidente. Tali mezzi e procedure sono regolarmente aggiornati e verificati nel corso di esercitazioni organizzate ad intervalli regolari.

    ARTICOLO 7
    Ognuno, al proprio livello, deve essere cosciente del proprio ruolo e della propria responsabilità personale in materia di prevenzione dei rischi d’incidente, di danni alla salute o di danni nei confronti dell’ambiente, legati alle proprie attività.

    ARTICOLO 8
    La corretta attenzione alla sicurezza, alla salute, alla protezione dell’ambiente e alla qualità dei prodotti e dei servizi è un importante elemento di valutazione del lavoro di ognuno e, in particolare, di coloro che ricoprono posizioni di responsabilità.

    ARTICOLO 9
    Total adotta in materia di sicurezza, di salute, d’ambiente e di qualità un atteggiamento costruttivo di trasparenza e di dialogo verso l’esterno.

    ARTICOLO 10
    Total mantiene il controllo dei propri consumi di energia, delle proprie emissioni di gas ad effetto serra e della propria produzione di rifiuti. Il Gruppo ricerca nuovi prodotti e nuove tecnologie e partecipa allo sviluppo di nuove risorse di energia. Total contribuisce così attivamente alla realizzazione di politiche di sviluppo durevole.

    Thierry Desmarest
    Presidente-direttore generale

    Il Gruppo TOTALMappa del sitoAltri siti TOTALCreditsNote legaliPrivacy

I commenti sono chiusi.