l’urlo delle donne…e quello degli uomini…dimettiti!!!

Ruby, l’urlo delle donne: ‘Siamo più di un milione. Berlusconi dimettiti’

 

‘Se non ora quando?’ in molte piazze italiane e nel mondo. Un corteo arriva fino a Montecitorio

 13 febbraio, 21:00  ROMA – Una marea di più di un milione di persone “indignate” è scesa in piazza, in Italia e nel mondo, per dire basta a una cultura che nega la dignità delle donne e per chiedere le dimissioni di Silvio Berlusconi. Ha superato le più rosee aspettative la mobilitazione nata intorno all’appello “Se non ora quando”, che in pochi giorni e con il fondamentale ausilio di Internet ha scatenato, con un effetto-valanga, manifestazioni in 230 città in Italia e una trentina all’estero. Roma in primo luogo, ma anche Milano, Torino, Napoli e così via in giro per l’Italia e per il mondo fino all’altra parte del globo, a Honolulu e Auckland: un grido si è levato oggi pomeriggio dalle piazze: “ora basta!”. Piazze enormi come quella del Popolo a Roma si sono riempite di donne e di uomini “amici delle donne”, tutti arrivati senza bandiere di partito ma solo con qualche tricolore e tanti cartelli, tutti contro il premier: “Berlusconi indegno”, “Io donna cattolica dico basta! B vai via”, “Napolitano: una Clio tutta la vita – Berlusconi: una escort tutte le notti” e anche “Dimettiti! Grande capo culo flaccido”. E contro Berlusconi si è levato l’urlo della folla prima dell’inizio della manifestazione romana: “Dimettiti!”. La rabbia della gente in piazza è infatti più esplicita e diretta di quella delle donne sul palco, che quasi mai pronunciano il nome di Berlusconi e puntano invece sui temi della dignità delle donne e della rivendicazione di un nuovo ruolo. Star applauditissime della kermesse romana, la leader della Cgil Susanna Camusso e la deputata finiana Giulia Bongiorno. “La misura è colma” ha detto dal palco Camusso, che ha definito quella di oggi “una rivoluzione culturale che si muove dal basso”, che parte “non dalle gerarchie ma dal popolo: é davvero un Paese che non ne può più”. E per Bongiorno “oggi siamo e dobbiamo essere protagoniste, non comparse. L’unico contesto in cui vedo le donne protagoniste sono le barzellette, soprattutto se le barzellette provengono da Arcore”. In piazza anche le prostitute – il Movimento per i loro diritti aveva annunciato l’adesione – che si sono presentate con un ombrellino rosso e un gruppetto di loro ha sfilato per le strade del centro di Roma con uno striscione che recitava “Sul nostro corpo nessuna strumentalizzazione, diritti e welfare per tutte”. E c’é stato anche un piccolo, festoso blitz di circa duecento manifestanti che si sono recati davanti a Montecitorio per chiedere le dimissioni di Berlusconi e lasciare regalini ironici ai parlamentari. TANTI STRISCIONI - “Vogliamo un Paese che rispetti le donne tutte”. Lo striscione rosa viene srotolato dalla terrazza del Pincio quando piazza del Popolo è già gremita. E fa da sfondo alla manifestazione “Se non ora quando?”. Una protesta senza bandiere di partito, con qualche tricolore, ma soprattutto con tantissimi striscioni, cartelli, adesivi con slogan orgogliosi, irriverenti, a tratti rabbiosi. Per rivendicare con tutte le sfumature possibili “la dignità delle donne”.DA NORD A SUD, PROTESTA RIEMPIE PIAZZE – La protesta delle donne per rivendicare la propria dignità ha riempito le piazze di tutta Italia. Al di là di quella della capitale, manifestazioni colorate e scandite da balli, cartelli fantasiosi, cori e slogan anche per sollecitare le dimissioni di Silvio Berlusconi, si sono tenute da Nord a Sud del Paese e hanno visto anche la partecipazione di tanti uomini e intere famiglie. Ed è stato “pienone” nelle principali città, a cominciare da Milano e Torino, dove secondo gli organizzatori i partecipanti sono arrivati a quota 100mila. “Tutto esaurito” dunque a Milano. Ma a scaldare la folla sono stati soprattutto le parole del premio Nobel Dario Fo e di sua moglie Franca Rame. Torino ha visto piazza San Carlo affollata come nelle storiche manifestazioni del Primo Maggio e i portici di via Roma impercorribili. “Siamo partiti in 50 mila, ora siamo diventati 100 mila”, hanno detto gli organizzatori a un’ora dall’inizio della manifestazione. Un cordone formato dalle donne che si tenevano per mano ha aperto invece la manifestazione di Bologna. Cinquantamila persone anche a Napoli. Altrettanti partecipanti a Genova, dove “in galera” è stato uno degli slogan più gridati dai presenti, tra i quali c’era anche il comitato ‘Le graziose’, che rappresenta le prostitute del centro storico. In trentamila hanno sfilato a Firenze; mentre a Venezia la manifestazione è stata anche l’occasione per esprimere solidarietà a Nicoletta Zago, operaia che da tre giorni su una torre di Marghera a 150 metri d’altezza, è in sciopero della fame per il posto di lavoro.