ma che vadano pure via…

tratto dal sito di repubblica.it (economia e finanze)

MILANO - “Una cosa è stare sul mercato, una cosa è una scelta politica. Lo Stato può fare quello che desidera, sconterà che una buona parte di manager vada via. Questo lo deve mettere in conto”. Così Mauro Moretti, amministratore delegato del gruppo Fs, risponde a chi gli chiedeva un commento sull’ipotesi che il governo Renzi riduca il tetto dello stipendio dei manager delle grandi partecipate pubbliche. Ma lo stesso Moretti lascia intendere che se questa ipotesi si realizzasse potrebbe lasciare la guida del gruppo ferroviario: “Non c’è dubbio” ha risposto infatti a chi gli chiedeva se, davanti a una riduzione di stipendio, sarebbe tentato dal cercare un’altra occupazione….

——————————————————-

ma che vadano pure via…visti i risultati eccellenti raggiunti da noi, si può ritenere che nello specifico il sig. moretti potrebbe fare meritocraticamente il capostazione di boun-boun-ga (cit. da Bello, onesto, emigrato Australia sposerebbe compaesana illibata, 1971, diretto da luigi zampa con alberto sordi e claudia cardinaleè la stazioncina della località dispersa nel deserto australiano dove vive Giuseppe, il protagonista)